Magazine Lunedì 19 marzo 2001

mentelocale consiglia: Nina

Magazine - Non so se risenta della sindrome de Leggi l'articolo che, sulla scorta del film di Gabriele Muccino, pare colpire i trentenni alle prese con la fase di passaggio da tardo adolescenti a genitori. Non ho notizie di una prossima maternità della scrittrice, e del resto non ambisco ad addentrarmi nei sentieri del gossip più dozzinale andando a ricercare vicende biografiche dell’autrice tra le pagine del romanzo.

Di certo, voglia di maternità o meno, la Ballestra è cresciuta. Affronta la scrittura in maniera più consapevole, si assume delle responsabilità da autrice. Appare sicura dei propri mezzi, ma, soprattutto, mostra di aver capito che non si può vivere troppo a lungo all’ombra di un esordio folgorante come quello de Il compleanno dell’Iguana (e del “ciclo degli Antò”, antologizzati da Baldini&Castoldi in Il disastro degli Antò).

In Nina si ritrova il clima di La giovinezza della signorina N.N., una storia d'amore, il precedente romanzo dell’autrice, non certo quello marchigiano-punk degli esordi. Ne risente un po’ la scrittura, che appare più trattenuta, meno sbrigliata nell’inseguimento di immagini e suoni a effetto. La ricerca linguistica, esasperata nell’uso dell’anglo-italo-marchigiano de Il disastro degli Antò e de Gli Orsi, sembra subire una battuta d’arresto. Ma probabilmente questo è segno di un cambiamento negli interessi degli scrittori di ultima generazione. Se negli anni novanta, memori dell’insegnamento di Pier Vittorio Tondelli e sulla scia dell’impeto neo-avanguardistico del Gruppo ’93, i giovani autori hanno improntato la loro attività sullo sperimentalismo linguistico, oggi, dopo i vertici toccati da Scarpa, Rossana Campo e Aldo Nove, molti sembrano ritrarsi in una dimensione più raccolta, minimalista o intimista.

Questa mi pare essere la strada imboccata anche dalla Ballestra, che magari deluderà qualche fan della prima ora, ma è destinata a trovarne di nuovi, grazie a uno stile scorrevole ed estremamente godibile e a tematiche che possono attirare l’attenzione di un pubblico non esclusivamente giovanile (o giovanilista)

Nina, Silvia Ballestra
Rizzoli, pp. 226 ca, Euro 7,20 Prezzo di copertina




.

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Alita Angelo della battaglia Di Robert Rodriguez Fantastico 2019 Un budget da 200 milioni di dollari, un coproduttore come James Cameron, qui anche cosceneggiatore, un regista cult come Robert Rodriguez e un manga ancor più cult: Alita - Angelo della battaglia del fumettista giapponese Yukito Kishiro.... Guarda la scheda del film