Magazine Lunedì 18 giugno 2007

Donatella Mei al Festival di Poesia

Troppe cose a Genova. A giugno la cultura ci sommerge, ci sovrasta, ci fa sentire importanti e poi anche piccini, ignoranti, bambini. A giugno c’è il Suq - finito ieri, domenica 17 - e poi il , il . Molti artisti in giro tra le tante gallerie: , Galata e la a Palazzo Cattaneo. Ed io chi vado ad incontrare? Al Festival della Poesia c'era Donatella Mei, una poetessa veramente originale: una passera solitaria, come ama definirsi, una leopardiana attrice di sue poesie.

Donatella Mei è romana. Ad ascoltarla viene subito alla mente Flaiano o Palazzeschi; meglio, un Campanile, corto però, perché lei si descrive come corta, piccola, minuta, ma con una carica di humour alta e potente. Le sue poesie sono spesso frasi spiazzanti: sono come cibi pesanti, però hanno la leggerezza di un’ala di pollo spennato, spellato e fritto all’istante, con il suono agghiacciante di un riso che è sempre di Origine Controllata e Garantita, la sua.
Questo è quello che scaturisce, in uno scambio veloce di battute, subito dopo la sua performance al Festival. Lei non era molto soddisfatta, anzi, era arrabbiata: «mi hanno fatto aprire la serata senza darmi un'adeguata assistenza. Non è così che si accolgono gli artisti. I miei reading sono anche cabaret, e luci, microfono, leggìo e devono essere preparati con cura».

Ma Genova sa farsi perdonare subito; lei dice che si è innamorata della nostra città. Mentre le domando dove posso trovare i libri con le sue poesie - e mi risponde che non ha ancora trovato un editore che la convinca a pubblicare come vuole lei - si avvicina a noi un editore genovese. Dopo un veloce scambio di battute, ecco che qui ha trovato un editore all’altezza, e forse nascerà anche qualcosa di importante. Ed io? Io sarò il suo presentatore. Ammazzate, oh! Che piacere.
La mia impressione è di una poesia istintiva e minimalista, che ti fa sorridere e ti schiaffeggia. Una poesia che sa affrontare con stili diversi lo scoppio di una energia vitale forte; c’è la voglia di un dire diretto e di un sapere trasversale, che va al nocciolo delle cose.

Per il momento mi affido alla registrazione fatta, dandovi un assaggio di parole per conoscerla meglio: .

mi mangio la foglia / mi mangio pure tutto il ramo / ma non capisco

Altro Haiku: Sognavo spesso/ di essere una radice / e spaccar tutto

Non te la do ( )
Tesoro no, non te la do/ E lo so che ti sorprende, tu sei più giovane, un uomo attraente/ Ed io dovrei essere felice di venire a letto con te/ È una grazia divina…anche un luogo comune però/ Ed io sarò un luogo piuttosto frequentato/ ma comune no, non lo sono mai stata/ dunque spero di non perdermi granché / ribadendo proprio a te che io no, no e poi no/ io a te non te la do.
di Giorgio Boratto

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Nessuno come noi Di Volfango De Biasi Commedia Italia, 2018 Betty è un’insegnante di liceo bella, anticonformista e single per scelta. Umberto è un noto docente universitario, affascinante, strafottente alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto... Guarda la scheda del film