Magazine Giovedì 14 giugno 2007

Rimbambiniamoci di libri

Tu chiamalo se vuoi concentration. Che detto così non si presenta invece per quello che è: uno tra i giochi più popolari nel nostro Bel Paese. Dici memory e lo riconoscono tutti. Pronuncia all’inglese, oppure “memoria”, o “carte uguali”, o “figurina”, o “fotografia”, o “doppione”, per i giapponesi è parente stretto dell’uta garuta e del gioco di Kim.
Vero è che, nato come gioco di carte per due persone, è arrivato in Italia nella versione che in Gran Bretagna ha vinto il prestigioso premio “gioco dell’anno 2005” e “migliore scelta delle associazioni di genitori”: ovvero due scatole de-li-zi-o-se!
In una La Mummia, set da 47 carte + volumetto = Euro 13,50, prodotto da Magazzini Salani. Nell’altra I Dinosauri, medesima caratteristica del precedente. Risultato: un modo alternativo per procedere con le quattro fasi di memorizzazione, ritenzione, richiamo, riconoscimento.
Totale 4 giochi a portata di carta.

1) Uomo nero - Basta essere in due, ma noi in casa ci giochiamo anche in 3 (io, Massimo e Claudio), 4 (con nonna Anna) e 5 (quando viene nonno Luciano) per giocare a La Mummia o a Il T-Rex= come si giocasse a Pilone o Uomo nero. Le modalità sono quelle di sempre: dovete distribuire le carte. Chi si trova in mano una coppia di carte identiche, le mette da parte. Il primo giocatore sceglie una carta a caso dal giocatore alla sua sinistra. Se la carta pescata è uguale a una che ha già in mano, mette giù la coppia, poi passa il turno al giocatore seguente, e così via fino a quando non si esauriscono le carte. Perde la partita chi rimane con quella della Mummia (se si gioca scoprendo i misteri dell’antico Egitto, oppure con quella del T-Rex se si dribbla tra le stravaganze dei piccoli o grandi dinosauri.

2) Figurina - L’alternativa è il memory, che richiede la disposizione sul tavolo di tutte le carte a faccia in giù. Occorre scoprire le carte uguali per collezionarne il maggior numero. Vince chi ne ha di più in mano.

3) Famiglie – Per giocare occorre essere in due o tre invitati. Nel mazzo ci sono delle famiglie, con 2 carte per ciascun soggetto, tranne per una, spaiata, singola, solitaria. Dovete distribuire le carte e… beh poi inizia la pesca e si procede verso l’idea di dare una famiglia ai dinosauri che appartengono al nostro gruppo.

4) La quarta alternativa è fare le casette con le carte, per creare un accampamento, una torre, un edificio inventato. Oppure si può giocare a ventaglio, disponendole in mano come fossero un accessorio di moda, per inventare facce, imitare voci suoni e storie provenienti da un personaggio o piuttosto un animale raffigurato sul dorso. Oppure si può inventare il gioco della magia… della trappola, e ancora.

Insomma, basta liberare la fantasia a vantaggio del sapere, condensato anche sottoforma di lunga didascalia nel volumetto contenuto nel delizioso cofanetto. Un’ottima idea regalo che anch’io ho colto al volo regalando oggi la scatola della Mummia a mio figlio Massimo, che compie 4 anni (auguroniiiiiiiiii). Mentre a mio figlio Claudio (ad agosto 3 anni), quello dei Dinosauri. Un grazie ai Magazzini Salani e a Luisa Manzoni che mi ha fatto conoscere queste pillole di cultura, da rispolverare anche per noi adulti che abbiamo smarrito in chissà quale cassetto polveroso le nozioni scolastiche rivolte a quel coleottero magico e portafortuna chiamato scarabeo, piuttosto che a quel piccolo vegetariano chiamato Eterodontosauro, nome difficile per indicare quella lucertola dai denti diversi che tanto fa sorridere i miei piccolini.
Provate anche voi a mettervi in gioco e rimBAMBINItevi un po’, imparando e osservando le carte coi vostri frugoli.
Buon divertimento e buona cultura!
di Roberta Maresci

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Johnny English colpisce ancora Di David Kerr Azione 2018 Alla vigilia di un importante summit internazionale, un attacco informatico rivela l'identità di tutti gli agenti segreti britannici sotto copertura. L'unico rimasto sul campo è in pensione, non ha idea di cosa sia un'App, e si chiama "English,... Guarda la scheda del film