Concerti Magazine Martedì 12 giugno 2007

Festival delle Periferie: edizione 2007

Magazine - Il Festival delle Periferie giunge alla quinta edizione. La manifestazione organizzata dall' a Villa Rossi (Sestri Ponente) è ormai un appuntamento fisso dell'estate genovese. Dal 14 al 17 giugno: quattro giorni pieni di musica dal vivo, mostre fotografiche e proiezioni. Sono circa venti i gruppi che si alterneranno sul palco. Si parte nel tardo pomeriggio e si va avanti fino a mezzanotte. Tra gli ospiti i giovani ma già quotatissimi , alcuni veterani della scena come , Rosa Tatuata e . Poi i Cut of Mica, una presenza consolidata al festival di Sestri. Ci saranno anche i Green Light July da Alessandria, unica deroga alla genovesità delle band. Danno forfait i e : i primi per infortunio, i secondi perché vincitori del che li porterà - venerdì 15 giugno - ad esibirsi appunto sul palco dell'Heineken Jammin' Festival. Con tutta probabilità, invece, si aggiungeranno al cartellone i , band dell'attore .

Un'atmosfera particolare quella che si assapora al Festival delle Periferie. L'attenzione al territorio (non a caso quasi tutti i membri di Metrodora sono insegnanti) si accompagna ad un alto, a tratti altissimo, livello artistico. «Ultimamente ci siamo resi conto che il festival è decisamente sovradimensionato rispetto all'attenzione che riceve - dice Fabrizio Gelli, uno degli organizzatori - infatti, dopo cinque edizioni andate benissimo, ogni volta siamo convinti sia l'ultimo anno». Le istituzioni non ci sentono, o quasi. L'ingresso è rigorosamente gratuito. «Abbiamo fatto suonare circa cinquantacinque gruppi in cinque anni, cambiando completamente programma ad ogni edizione», dice Roberto Giannini, presidente di Metrodora. Così, come sempre, è l'entusiasmo e la passione a mantenere in piedi la baracca. «Quest'anno abbiamo avviato una collaborazione con il CEL (Centro Educazione al Lavoro n.d.r.) - prosegue Fabrizio - grazie alla quale i ragazzi del Centro vengono qui a darci una mano». Si tratta di giovani che non vogliono più studiare e che vivono varie forme di disagio; ma si sono dati molto da fare con le scenografie del festival.

Il progetto educativo di Metrodora non finisce qui. Da circa tre anni, infatti, Villa Rossi è stata abbandonata a se stessa. Da quando non c'è più la scuola elementare che ospitava. I ragazzi dell'associazione, insieme a molte altre realtà, sono riuscite a formare un consorzio che ha come scopo proprio quello di recuperare l'area. Giannini si sbilancia: «il potenziale è altissimo. È possibile che diventi uno dei poli culturali più importanti in città». Per ora non si sa molto di più, ma a breve ne sentirete parlare.

Tornando alla festa, ci sarà spazio anche per l'installazione interattiva musicale You will rock us di Open Art. E da mezzanotte in poi, via all'aftershow all'interno della Villa. Sarà anche possibile scambiare le proprie demo con quelle di altri gruppi genovesi.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film