Magazine Sabato 9 giugno 2007

Rossana Campo racconta i deliri d'amore

Ah ma che vita è questa. Quando ho iniziato a leggere Più forte di me (Feltrinelli, 276 pgg., 16 Euro), il nuovo libro di Rossana Campo, ho pensato che un incipit del genere non è davvero niente male. Mi ha incuriosita subito, e ciò che ho letto dopo non mi ha delusa.
Innanzi tutto c’è lo stile: niente virgolette che segnalino l’inizio di un discorso diretto, poche virgole e un linguaggio che è quello di tutti i giorni. Fatto sta che da subito mi sono sentita in sintonia con la protagonista del libro: una donna fragile e scostante, vittima della propria paura di restare sola. Ancora una volta il mondo degli emarginati è in primo piano. E una donna costretta a lottare contro i propri fantasmi deve farsi in quattro per dimostrare di potercela fare.

I giorni bui accanto a un marito, che improvvisamente sente distante, e un problema di dipendenza dall’alcol la inghiottono ogni giorno di più, lentamente ma inesorabilmente. Quando decide di dire basta e affrontare faccia a faccia il proprio dolore troverà accanto a sé un gruppo di nuovi amici/compagni di sventura dai quali imparerà l’arte della ricerca della felicità.
Rossana Campo ha ambientato il suo libro a Parigi, dove vive dal 1989: «sento un legame forte con questa città. A volte la odio, anche. Ha una tradizione letteraria importante: molti grandi autori sono passati di qui. Parigi, come tutte le metropoli, ha i suoi lati nascosti». E Rossana parla nel suo libro dei clochard che vivono in città: «ho spesso fatto due chiacchiere con loro. A volte li consideriamo degli extra terrestri, ma non ci rendiamo conto che le loro storie non sono poi così diverse dalle nostre».

Un altro elemento importante del romanzo è rappresentato dalla figura di Aloise Corbaz, pittrice svizzera esponente dell’Art Brut: la protagonista desidera, prima o poi, scrivere un libro sulla vita di questa donna sfortunata, che per anni ha vissuto in un ospedale psichiatrico: «da sempre mi affascinano gli outsider dell’arte». Anche Rossana Campo dipinge: è sua la copertina del libro. «Nella sua vita anche Aloise ha amato molto e, come capita a tutti, ha conosciuto i deliri legati all’amore».
Rossana ammette che scrivere questo libro non è stato per lei cosa semplice: «il tema delle dipendenze - non solo dall’alcol, ma anche dall’amore - tocca qualcosa di profondo in me. Tutti abbiamo dei “buchi neri”, anche se ognuno esprime a modo suo il proprio disagio».

Nel libro la protagonista, che fa la scrittrice, dice di odiare i giornalisti che domandano: “quanto c’è di lei nei personaggi dei suoi romanzi?”. Immaginandola come una sorta di alter ego di Rossana, mi ero ripromessa di non porle il quesito, ma è stata lei stessa a dire: «alcune situazioni di cui scrivo fanno parte della mia vita perché le ho vissute; in Più forte di me le ho solo raccontate in forma romanzesca. Per il resto, è un semplice gioco letterario, che da sempre lega lo scrittore al lettore: in molti si chiedono dove stia il confine tra realtà e finzione. La letteratura serve anche a questo. Scrivere per me significa fare un viaggio all’interno di me stessa».

Il primo, fortunatissimo romanzo di Campo, In principio erano le mutande è diventato un film, diretto da Anna Negri, alla cui sceneggiatura ha partecipato la stessa autrice. Oggi Più forte di me sembra ancora una volta adattarsi perfettamente ad una trasposizione cinematografica: «me lo dicono in molti, e questo per me è un buon segno, anche se in generale non penso bene dei libri adattati ai film, e viceversa. Però significa che il mio non è un libro fasullo, di quelli che cercano in tutti i modi di “fregare il lettore”. Se lo apprezzi è perché ci stai dentro: questa è la vera forza della letteratura».
Ed ecco che, in questa ultima frase pronunciata da Rossana con tanto impeto riconosco lei, l’anti-eroina del libro, che sarà pure fragile ma che non rinuncia ai propri ideali.
La riconosco nella voce della sua creatrice. E sorrido.

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film