Magazine Mercoledì 6 giugno 2007

Le convivenze di Mariella Todaro

Magazine - Quando inizio a leggere Convivenze di Mariella Todaro (Gammarò Editori - pp.100 - 13 Eu) sono in treno, durante uno dei miei interminabili e assonnati viaggi che mi portano da Rapallo a Genova. Dio li fa, poi li accoppia. Fido a Milano - 2006: sembra simpatico come inizio. E infatti lo è: la storia di una coppia gay raccontata in prima persona da un bastardino, Fido, appunto. Sembra che a scrivere sia un bambino, ingenuo ma assolutamente cristallino, incapace di comprendere il mondo degli adulti, fatto di lavoro, cene al volo e gelosie.

La convivenza con i due padroni, la mania dell’ordine di uno dei due, i rapporti col vicinato, il cibo in scatola, poi basta. La storiella finisce di punto in bianco, così com’era iniziata. Ora c’è Padri e figli. Ermanno a Torino - anni ’70: la storia di un ventenne che si innamora e sposa una ragazza madre. E così via. La travagliata storia di Giulia Beccaria nella Milano dell’800, i rapporti familiari nella rurale Sicilia degli anni ’30, la convivenza di un gruppo di ragazzi negli anni ’70, una coppia genovese ai giorni nostri: un susseguirsi di racconti anonimi, dislocati nel tempo e nello spazio. Spaccati di vita quotidiana, niente di più, niente di meno. È come se l’autrice avesse fatto capolino nella casa di ognuno di noi in una giornata qualunque, in un momento qualsiasi e avesse preso appunti.

Eppure, in tutto questo anonimato, in questa quotidianità e semplicità che pervade i quindici racconti del libro, c’è qualcosa di originale, forse perchè troppo spesso trascurato. Ogni racconto è una storia di vita, di uomini e donne che lottano, amano, soffrono. Sono tutte convivenze, tutte storie di persone, o animali, che vivono insieme: innamorati, amici, familiari.
Coppie etero e omosessuali. Ragazze madri e famiglie patriarcali. Studenti, parrucchiere e medici. Poco importa il sesso, la condizione economica o lo stato civile. Ciò che conta è dare voce a ogni singolo vissuto superando, con sarcastico candore, ogni pregiudizio sessuale, sociale ed etnico.
Una lettura scorrevole e frizzante, breve e leggera ma non per questo povera di contenuto.

di Federica Verdina

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Rex Un cucciolo a palazzo Di Ben Stassen Animazione Belgio, 2019 Da quando ha fatto il suo ingresso a Buckingham Palace, Rex conduce una vita immersa nel lusso. Dotato di uno spirito da capobranco, ha rimpiazzato il posto dei tre Corgi nel cuore di Sua Maestà. La sua arroganza può risultare alquanto irritante...... Guarda la scheda del film