Concerti Magazine Giovedì 31 maggio 2007

Fab Four: l'emozione non finisce mai

Su Wikipedia si legge: “Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band è l'ottavo album della discografia ufficiale dei Beatles. Venne messo in commercio venerdì 1 giugno 1967. È da molti considerato tra i più famosi della storia del rock e uno dei primi concept album della musica pop. Nel 2004 la rivista statunitense Rolling Stone l'ha proclamato migliore album di tutti i tempi".
Per celebrare i primi quarant'anni di questo monumento della musica, mentelocale.it si “pepperizza”. Abbiamo chiesto ai nostri amici di descrivere cosa significa per loro il disco più famoso dei Fab Four. Ci hanno risposto in tanti e continuano ad arrivare contributi. Se volete dire la vostra su Sgt Pepper scrivete a

Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band? 1° giugno 1967? Sì!!! E allora ritorno a me stesso ragazzino e devo dire che non ho un ricordo netto, chiaro, preciso di quel giorno.
Ma allora, nella seconda metà degli anni '60, il panorama musicale era straordinario, ma davvero.

Beatles, Rolling Stones, Who, Kinks, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Doors, Velvet Underground (per stare in una riga e mezza. 4 made in UK e 4 made in USA).
Ricordo bene, invece, quando con mio papà si passava quei sabati pomeriggio da Ricordi e chiedeva, a scatola chiusa, l’ultimo 45 dei Beatles. Magari non si sapeva neanche il titolo ma si sapeva, quello sì, che sarebbe stato sicuramente bellissimo ascoltarlo. E così vado a cercare tra le interminabili file dei miei dischi. Ed eccolo lì… esce fuori scoppiettante. Una perla di vinile nero con la sua etichetta Parlophone "Microsolco lunga durata, 33 1/3 giri al minuto, disco infrangibile…" nella sua radiosa-valva-copertina-apribile, una delle tante, vere opere d'arte grafica che andavano di pari passo con la magia dei suoni.

All'esterno il collage dove son celati (ma non troppo…) un bel po' di "personaggi" di varia umanità del passato, del presente e, perché no, del nostro futuro.
Quasi quasi mi rimetto a far la gara a chi ne indovina di più e in meno tempo. All'interno la foto gigante dei Fab Four in quella loro magica divisa colorata e "alamaratissima". Dei dodici brani (più "reprise" del titolo base) non favello. Sarebbe inutile. Ognuno di loro ha qualità sonore superiori all'intera produzione internazionale, quantomeno dell’ultimo quinquennio.

Attorno ad ogni singolo pezzo si potrebbe costruire l’lp più bello degli ultimi dodici anni (uno per anno). Alzo il braccio, il vinile comincia a girare, appoggio la puntina ed ecco frusciante ed incantevole: la M U S I C A !!!
Quarant'anni? Sì, ma l'emozione e, forse un po' di pelle d'oca, è più intensa ora…

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film