Magazine Giovedì 24 maggio 2007

Stefano Benni e Spider: oltre le parole

Brillante. Esilarante. Nostalgico. Nonnista. Ironico.

Per presentare l’autore del libro vincitore del Super Premio della Giuria al (ex aequo con ), ho preso a prestito le lettere che compongono il suo cognome. Provate a leggere dall’inizio e indovinerete: Benni. All’anagrafe Stefano. Classe 1947 e origini bolognesi, per uno scrittore sul quale circolano tante lodi ma che sarebbe più idoneo presentare consigliandone la lettura.
Per me questo è il suo primo libro: sarà perché lo scrittore è noto; sarà perché è tratto da Bar Sport Duemila, un altro suo volume (Feltrinelli), pubblicato una decina d’anni fa; sarà perché è illustrato da Spider (pseudonimo del grafico e illustratore Daniele Melani); sarà anche per questo, ma l’avevo tralasciato. L’eco era tanto. Ahimé. Poi la rivista Andersen e il suo riconoscimento, mi hanno portato a leggerlo. Risultato? La giuria lo ha ritenuto degno di premio speciale, perché è un racconto rivolto a tutti, comico e surreale, malinconico e grottesco travolgente e avvincente, che tesse un implicito omaggio all’arte e alla sapienza del narrare. Per la misura colta e intrigante delle sagaci e forti illustrazioni. E questo già era ben sunto in una riga dall’editore. Dato per buono che La riparazione del nonno (Orecchio Acerbo Editore, 13,50 Eu) è un libro per ragazzi, un libro per adulti, un libro per tutti.

Esilarante, commovente, unico: è un’avventura straordinaria per la mente e per gli occhi. Da prendere in dose unica, apprezzandone la doppia lettura grafica e testuale, è caratterizzato dall’acutezza nel colpire con satira uno e alcuni degli elementi più spassosi della società moderna. Detto ciò, la comicità stralunata e il mondo surreale ha, nell’incipit, la fortuna della trama.
Come un racconto d’altri tempi, potrebbe essere letto ad alta voce. E sembra d’andare al teatro: si alza il sipario e l’atmosfera è quella di quando davanti al camino c’era un nonno di 87 anni, uno straordinario narratore. Nonno Telemaco 87: due soli pollici e nulla da invidiare alla televisione. La sua memoria? Più potente di quella di un computer. I repertori? Fiabe e filastrocche miste per poi ritrovarsi all’appuntamento del venerdì: per la serata a luci rosse, con racconti piccanti e maialate locali. Il sabato: il racconto di guerra. La domenica? Gli partiva una gran chiacchiera per colpa di quel bicchiere di Barolo, capace di farlo durare doppio, triplo e fino alle tre di notte. Assolto il rituale delle previsioni del tempo, date tastandosi i calli, seguiva il notiziario del giorno: uva, mucche, liti in paese, guasti e trattori. La sigla? Un gran sbadiglio. Il tutto intramezzato da spot che poi erano dedicati alla cucina della nonna (rutti) e al compagno preferito: Morfeo e il suo pit-stop salutare (gronf). Fino alla fatidica sera in cui, colpito da un fulmine, gli si fondono i circuiti narrativi. Balbetta, mischia frasi e parole, un vero disastro. Sarà Ufizeina, un vecchio riparatore di nonni, ad azzeccare la terapia: nonno Telemaco deve beccarsi un altro fulmine.
Così fu e nonno Telemaco tornò come prima. Con un unico problema, nessuno riuscì più a spegnerlo.
di roberta maresci

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film