Magazine Mercoledì 16 maggio 2007

Paley: l’importanza di non capire tutto

"...quelle due volte in cui mi hanno sospesa da scuola. La prima è stata alle medie, all’età di circa dodici anni avevo presumibilmente firmato una lettera di protesta contro la guerra, e la seconda volta al college, per qualcosa di molto simile". Ha un bel caratterino Grace Paley, autrice di queste parole e grande intellettuale americana. Classe 1922, di origini ebreo-russe, ha passato la sua vita lottando con instancabile passione, scendendo in piazza, manifestando, rischiando sulla sua stessa pelle le conseguenze degli ideali in cui credeva e crede tuttora, all’alba degli 85 anni, con invariata forza. Dopo l’esordio negli anni ’50 come poetessa, inizia a dedicarsi alla narrativa ed è ancora oggi membro della National Academy of Arts and Letters. Nel 1998 pubblica negli States Just as I Thought, una raccolta di articoli, saggi, racconti, poesie, lezioni e interventi orali.

Un panorama completo e variegato che ritrae un intero periodo storico, dagli anni Cinquanta al presente della pubblicazione americana, oltre che la vita di "una donna appassionata, una scrittrice dalla sensibilità all’erta, un’instancabile pacifista e un’irriducibile sognatrice", come la definisce la curatrice dell’edizione italiana del volume, Chiara Simonetti (L’importanza di non capire tutto – pp.271 – 11 Eu - Einaudi Edizioni).
«Rispetto alla versione originale - spiega Simonetti - ho tralasciato i brani di aspetto troppo personale, dando così una visione soprattutto ideologica e politica, più adatta a un pubblico italiano che la conosce soprattutto per la narrativa».
Interessante come la Storia venga fuori dai racconti della sua infanzia, adolescenza, matrimonio ed esperienza professionale, politica e umanitaria. Una storia nella Storia, una storia che, se vogliamo, la Storia l’ha fatta, o almeno, ne ha segnato tappe importanti: una fra tante, il movimento femminista.
Brani letterari e storici convivono in queste pagine, spesso confondendosi, come la stessa autrice conferma nell’introduzione: "Molti brani hanno un taglio politico anche quando trattano di argomenti letterari – si tratta di una mia particolare predisposizione d’animo che non è forzata nè intenzionale".

Intere parti sono dedicate alla sua lotta per la libertà sessuale, con particolare rilievo al tema dell’aborto, a cui lei ricorse per prima: "Non è una cosa che si fa volentieri, ma non ci vedo un risvolto etico o morale. Probabilmente perchè non pensavo che il feto fosse davvero un bambino finchè non fosse nato".
E poi la guerra, da quella del Vietnam – "cominciata per ignoranza e autoincensamento" – a quella del Golfo.
Non mancano le riflessione e i riferimenti alla sua professione di insegnante universitaria di scrittura creativa, corsi molto diffusi in America. Dalle sue dichiarazioni circa l’attività dello scrittore ("si può fare un bel affondo verso un’interessante e autentica carriera da scrittore anche se non si è letto nient’altro che lo stretto indispensabile: La Sacra Bibbia e il «New York Daily Times»"), alle sue lezioni. Un intero capitolo – Appunti sull’insegnamento – racchiude i punti salienti delle sue lezioni: non scrivere di sè stessi (è da noiosi e presuntuosi), consigli di letture (A life Full of Holes di Charhadi e Lavoro come un giardiniere di Joan Mirò), allenamenti di scrittura (inventare un personaggio, raccontare una storia dei nostri predecessori alla classe).
Un bell'insegnamento: di storia, di letteratura, di vita e sentimenti.
di Federica Verdina

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

La vita in un attimo Di Dan Fogelman Drammatico 2018 Will, quarantenne newyorchese abbandonato dalla moglie, ricostruisce la sua storia in una seduta di psicanalisi: l'amore per Abby, gli anni del college, l'intimità matrimoniale, un pranzo con i genitori di lui e poi, inatteso, il giorno della separazione.... Guarda la scheda del film