Magazine Venerdì 11 maggio 2007

Un lunedì con Nick Hornby

Magazine - Calcio e musica. Sono le prime parole che vengono in mente pensando a Nick Hornby. Merito di Febbre a 90°, il suo esordio autobiografico del 1992, e poi di Alta fedeltà (1995), la consacrazione letteraria. Su Wikipedia si legge che la raccolta di saggi 31 Canzoni, pubblicato nel 2003, "presenta album da lui scelti, da mostri sacri come Bruce Springsteen e Bob Dylan ad artisti del circuito indipendente come Ani DiFranco; da artisti pop da classifica come Nelly Furtado, a canzoni note soltanto a Hornby stesso".
È nato nel 1957 a Londra, dove vive. Si è laureato all’Università di Cambridge, e dopo aver fatto il professore e il giornalista si è dedicato alla scrittura. Da alcuni dei suoi romanzi sono stati tratti film di successo, da Alta fedeltà, di Stephen Frears, a About a boy - Un ragazzo, di Chris Weitz e Paul Weitze, con Hugh Grant.

Siccome lunedì 14 maggio, alle 21, viene a Genova ospite della rassegna , siccome parlerà di lettura e non di scrittura, mi ero preparato un po' di domande semi-idiote del tipo: con quali libri sei cresciuto? Quando leggi durante la giornata e in che posizione? Visto che sei stato un insegnante, secondo te è più difficile insegnare la lettura o la scrittura? E poi, cosa pensi del calcio italiano di oggi?
Non so se avrà il tempo di rispondermi via mail.

Ma per fortuna c'è internet. Lo scrittore inglese ha tenuto per tre anni, sulla rivista su Internazionale, una . I suoi interventi sono uno spasso, tutti disponibili sul sito della rivista. Andateli a leggere che meritano. Ecco una piccola gemma presa dal primo articolo:
Questo mese ho letto parecchio a) perché è estate, ha fatto caldo, non lavoro molto e non c'è calcio in tv e b) perché mio figlio maggiore, per motivi che non sto qui a spiegare, ha trascorso ancora più tempo del solito chiuso in bagno, e io dovevo star seduto fuori su una sedia. È così che si leggono i libri.
Capito?

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Nostra Signora dei Turchi Di Carmelo Bene Drammatico Italia, 1968 Al protagonista, un intellettuale così febbricitante da sembrare patologicamente irrecuperabile, riaffiora un confuso ricordo di una strage compiuta dai turchi a Otranto. Immedesimandosi in una delle vittime, nell'inconscio proposito di sviscerare... Guarda la scheda del film