Magazine Giovedì 10 maggio 2007

Segnali di Fumetto

© www.scifi.com/superhero
Eleven will enter only one will win immortality

«Facciamo che io potevo volare grazie al potere del tegolino e che te sei il cattivo e che io poi alla fine vinco».

Quante volte avete immaginato di aver un superpotere capace di farvi ergere sugli altri, quante volte avete desiderato di essere un eroe capace di difendere il bene – o almeno il buon gusto – nella vostra tutina colorata superaderente capace di evidenziare, creandoli dal nulla, i vostri addominali?
In America, terra di idee e opportunità, terra di uomini, pistoleri e navigatori, non hanno aspettato oltre e così un anno fa, sotto il patrocinio di Stan Lee hanno osato l’inosabile, trasformando l’aspirazione di milioni non semplicemente nella realtà di molti, ma in un reality show per pochi.

Undici concorrenti, un solo vincitore in

Gli undici – una lega dei supereroi da far impallidire Superman e soci - hanno avuto sei settimane di tempo per decretare chi sia l’unico in grado di diventare parte di un fumetto sceneggiato dal papà di , e .

Visto che, da che mondo e mondo, l’abito non fa il monaco e la calzamaglia non fa il supereroe, i concorrenti hanno dovuto cimentarsi in prove sul campo, tipo cambiarsi d’abito in un parco senza che gli altri se ne accorgano nel più breve tempo possibile. La sfida è stata una lotta ad eliminazione tra il meglio che l’America abbia fornito.

Ma chi sono questi eroi?
Lemuria, l’amazzone che lotta per l’equilibrio delle energie sulla terra; Fat Momma l’eroina iperglicemica che combatte il male a colpi di doughnut (stessa arma e stessa stazza di Homer Simpson, dho!); Nitro G eroe superisterico; Feed Back, che combatte per la giustizia e il fair play assorbendo l’energia dai video giochi. Assieme e contro di loro ci sono i palestrati – e apparentemente immuni all’umorismo - Ty’Veculus e The Iron Enforced, la vanesia Cell Phone Girl, il coraggioso Major Victory, la salutista Creature, la ginnica Monkey Woman che combatte armata di banane e infine l’aerofilo Levity.

Tutti insieme sono stati testati attraverso prove di coraggio e onestà, potere e responsabilità (l’avrei evitato ma pare Stan Lee ripeta il spider-motto anche al suo barista dopo aver chiesto un caffè rinforzato) fino alla sfida finale, quella tra Fat Momma e Feed Back.
Archiviata la prima grande avventura – in attesa che, inevitabilmente, il format arrivi anche da noi - in USA sono già in corso le selezioni per la nuova stagione, che partirà a luglio.
On-line sono pronti i provini dei nuovi aspiranti. Tra improbabili professionisti già si nasconde - celato da un altrettanto improbabile costume – un nuovo supereroe.
E dire che a me pareva già troppo pensare di essere protetto da Ralphsupermaxieroe…
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Io e Annie Di Woody Allen Commedia Usa, 1877 Alwy Singer è un attore comico che lavora per la radio e per la televisione. Ha successo, ma è portato alla depressione. Già messo in passato a dura prova da due matrimoni falliti, ha una storia con Annie Hall, intellettuale, carina,... Guarda la scheda del film