Magazine Venerdì 4 maggio 2007

Claudia ritorna con il cuore indolenzito

Claudia Priano presenterà Con il cuore leggermente indolenzito alla Fiera Internazionale del libro di Torino domenica 13 maggio alle 14 e a Genova venerdì 18 maggio (da Feltrinelli alle 18). In entrambi i casi sarà Laura Guglielmi a presentare l’autrice.

Magazine - Il suo primo romanzo era stato una sorpresa. parla di amicizia, quella vera, tra un agguerrito gruppo di donne che all’amore ci credono ancora. All'epoca la sua autrice, , sorrideva quasi imbarazzata da quell’improvviso successo. Oggi Claudia è tornata con una storia che racconta il valore della famiglia e la paura della diversità.
Con il cuore leggermente indolenzito (Aliberti editore, 217 pag., 15 Euro) sarà tra breve in tutte le librerie. «Dopo che il mio primo romanzo è stato etichettato come “rosa” ho deciso di scrivere qualcosa che non appartenesse a nessun genere», spiega Claudia. Lei, che per alcuni anni ha lavorato al Teatro della Tosse e che oggi vende formaggi, è convinta che per imparare a scrivere si debba innanzi tutto leggere molto: «ci sono libri che mi hanno cambiato la vita».

È il caso dei Diari di Sylvia Plath, che l’hanno ispirata: «il titolo del libro è tratto da un brano della Plath che mi ha colpita». E adesso me ne sto qui, contegnosa e stanca in marrone, con il cuore leggermente indolenzito.
I brani che accompagnano la lettura del romanzo hanno autori importanti: da Emily Dickinson a Boris Pasternak. «C’è anche una frase tratta da Il Re degli ontani di Michel Tournier, un libro che amo molto e consiglio a tutti. Ho scelto brani che parlano di follia e di diversità».

Con il cuore leggermente indolenzito è un romanzo corale e racconta di una famiglia che si era persa. Ma dopo la scomparsa nel nulla della madre Lidia, Chiara e i suoi fratelli Margot e Bruno sono costretti a rivedere i loro rapporti.
«Lidia è una persona fuori dagli schemi, che “non riesce a starci dentro”. Spesso si ha paura della diversità. Margot, ad esempio, teme di diventare come la madre». Claudia sente vicino questo mondo: «non sono una persona strutturata. Ho le mie fragilità e non le nascondo. Chi mi conosce bene le accetta». Ma come è nata l’idea del libro? «Mi colpì, alcuni anni fa, la scomparsa da Genova di una donna. La sua foto era appesa ovunque e la famiglia la cercava disperatamente. Così ho iniziato a seguire la trasmissione Chi l’ha visto, scoprendo che sono davvero tante le persone che scompaiono senza lasciare traccia. Ho cercato di immedesimarmi nelle loro famiglie: come devono sentirsi?».

Proprio in questo sta “l’indolenzimento”: «si tratta di una fase che arriva dopo un forte dolore. Molti vorrebbero evitarla, in realtà l’indolenzimento è indispensabile per andare avanti. È parte del percorso che porta alla guarigione».
E sembra che Claudia sia riuscita a raggiungere una certa serenità. Certamente le sue letture l’hanno aiutata a superare i momenti difficili. E se nel libro ha deciso di trattare il tema della famiglia una motivo ci sarà: «la mia è una famiglia allargata. Siamo in tanti e trascorriamo il Natale insieme: questo vuol dire raggiungere un equilibrio».
C’è la famiglia, c’è la diversità. Ma nel romanzo di Claudia c’è anche un pizzico di Genova: «questa volta la città fa solo da sfondo al racconto». Però il romanzo si apre con la tragica alluvione che colpì Genova nel 1970: anche in quel caso molte persone scomparvero nel nulla.

Intanto Claudia vi prepara una sorpresa: oltre alla sua seguitissima rubrica , la scrittrice aprirà presto un blog su mentelocale.it. Per lei è la prima volta: «l'importante è stimolare le persone a discutere».

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film