Magazine Lunedì 23 aprile 2007

Due libri e buffet: weekend letterario

a G. B, nella sua presente assenza

Prima di tutto, amici e non, ma soprattutto amici, la location precisa da che s’inizia el : Milano, la via , nell’ivi situato . Poi l’occasione: la presentazione milanese di , con il suo spettacolare psicosentimentalnoir L’accordatore di destini, pubblicato a Padova da Meridiano Zero per le cure amorevoli di , la Divina.

Allo i padroni di casa sono Francesco, faccia dolomitica e sensibilità d’artista polivalente e , sua compagna sorridentissima ed elusiva q.b. A fianco di Salvio e del vòster-semper-vòster, un nome di prestigio assoluto, qui nelle vesti di : .
Egli è non soltanto dicitore e persona fine quanto pochi altri su piazza, ma ha l’unica fortuna d’esser marito di , designer e molto altro che non può esser contenuto in una definizione – di certo autrice del miglior pezzo visto nei generalmente insulsi Fuori Salone del (sè, bona, come la squadrètta del Moratti, veh) del Mobile milanese. La presentazione va che è una scheggia, anche perché il pubblico è di qualità alta come le defunte , dacché include fra gli altri l’ottima collega e non , un tempo nota come Giusi e il di lei consorte di vita l’avv. , non che , pittrice di mestiere e vocazione, in realtà dei nostri tempi avventurati e la sua socia in arte, la deliziosa .
Con una compagnia del genere, ver le 2 di notte, poteva o no finire in una colossale spaghettata ajo, òjo e ? Ovviamente sì, e tutto è stato immortalato dal gran fotografo e uomo di mondo .

Dopo una sbornia d’eccellenza siffatta, non restava che rendere visita a , arcivescovo metropolita della diocesi di Venezia-Milano e Gran Visir delle Nuvole Padane (questa si capirà fra qualche mese). Il giorno dopo ci si trasferisce nella vostra, la nostra Genova, ma più che altro da , per presentare il libro del momento, cioè Per tutte le altre destinazioni di . Non abbastanza si è ancora detto dell’extratesto soggiacente alla giovane pandettista autrice di questo esordio da fòlgore; né qui è lo spazio per farlo (ma che sia una sosia giovane graziosa gentile della magnifica si sono accorti tutti). A presentare con il redattore di queste umili note l’Esarca della letteratura italiana in Liguria e valli circostanti, cioè . Ad accompagnare, la lettura incantata del testo di , cantante de Madre España e il chitarrista Massimo. In pubblico, 2 superstar della cultura genovese militante, cioè e .

Siccome per la Bizia devono esserci tutti ma proprio tutti, non mancava il meglio della bloggherìa norditalica, cioè , regina dello sguardo evasivo. Last but not least, la giovane implume colenda . Alla fine, buffet principesco, con amabilissimo bianco d’annata. Su tutto e tutti, ad aleggiare soave, lo spirito di , il maestro cui – fra molti altri – anche s’ispirerebbero questi reportage sbomballati. E buona camicia di a tutti, vero.
di Giovanni Choukhadarian

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

La vita è facile ad occhi chiusi Di David Trueba Commedia Spagna, 2014 Spagna, 1966, in pieno regime franchista. Un professore che usa le canzoni dei Beatles per insegnare l’inglese ai suoi alunni viene a sapere che John Lennon si trova in Almeria (Andalusia) per girare da attore il film “Come ho vinto la guerra”.... Guarda la scheda del film