Concerti Magazine Giovedì 19 aprile 2007

Momo arriva a Genova

Apri fondanela
chiudi fondanela
prendi l'energia
mettila di qua


Seconda serata del Festival di Sanremo, Chiambretti si appresta a farne una delle sue. Invita Momo, cantante sconosciuta al grande pubblico, autrice di un brano-tormentone dal titolo . Ispirata agli insegnamenti del maestro Wang - che insegna Chi Kung, pratica buddista con elementi di medicina cinese - la canzone è una sorta di filastrocca ipnotica dai ritmi arabeggianti. È subito un successo, Pierino nazionale la elegge sua musa.

Momo e la sua Fondanela sono rientrate a Sanremo dalla porta principale dopo essere state scartate alle selezioni. Si è parlato subito di FondanelaMania, c’è chi ha messo su Youtube il poco più che poppante mentre si dimena sulle sue note. Fino all’apoteosi, sul palco dell'Ariston, con Pippo Baudo che batte il cinque proprio a Momo. Poi Sanremo è finito.

Passata l’onda lunga del Festival, siamo tornati sulle sue tracce, accorgendoci che la stravagante Momo non è per niente una novellina. La cantautrice gira per i palchi di tutta Italia - soprattutto Roma - da dieci anni, con un gruppo di otto elementi. Tra l’altro, è autrice di Che bella gente, brano cantato da a Sanremo 2006, con il quale è arrivato secondo.
Testi semplici come filastrocche infantili, ma taglienti come una katana. Basta ascoltare l’inizio di La madonna di Pompei che recita Campi di girasoli a Cortona in Arezzo/Campi di paraculi a Cortina d’Ampezzo.

Dopo il tormentone pre-festival che declamava Chi è Momo? rilanciamo chiedendole Dov’è ora Momo? Che fa?. La becchiamo con una telefonata mentre è a Roma, sotto una grandinata d’aprile. «Sanremo è capitato nel momento adatto - dice - ero pronta». In che senso? «Ho fatto tanta gavetta - continua - oggi sono pronta ad affrontare concretamente le cose. Se questo fosse successo prima non so come sarebbe andata».
Il suo manager Simone Grassi, proprietario del di Sarzana - locale di bei concerti live e ultimamente anche studio di produzione video (il bancone che si vede nel video di Fondanela è proprio quello del Jux Tap) - ci dice che Momo è una persona molto determinata: «nei giorni del Festival eravamo un po’ sul chi va là - dice - ci avevano detto di non andare via dopo la prima esibizione, stavamo al baretto del Dopofestival a bere una birretta. Poi a un certo punto Momo mi dice: “forse si va sul palco con Baudo”». Lanciatissima.

Come ti è sembrata l’atmosfera del Festival? «Allegra e divertente - dice Momo – come alle feste di paese, c’era un sacco di gente». E Chiambretti? «Molto simpatico». Le chiedo di definire la sua musica. «Teatrale, e amichevole - nel senso che si sono tante collaborazioni nei brani che canto - ma anche tradizionale».
Come è avvenuto il vostro incontro? Risponde il manager: «Un amico di Sarzana che lavora a Roma mi ha invitato per vedere un concerto di Momo: sono rimasto folgorato dall’ecletticità della sua arte».
Non proprio un’artista da Festival. «Infatti all’inizio pensavamo di affrontare canali più consoni alla sua musica, più underground. Poi abbiamo mandato il promo a Sanremo». E l’hanno cestinato. Finché: «ci chiama Cristicchi che dice: "fate subito le valigie, Chiambretti vuole conoscervi"». Il resto è noto. «Forse all’inizio nemmeno il conduttore sapeva bene cosa sarebbe successo - prosegue Grassi - poi tutto accaduto in modo spontaneo».

E ora? Simona Cipolloni (il vero nome di Momo) è riuscita a strappare un contratto alla Sony/BMG. L’album Il giocoliere, prodotto dal Jux Tap, verrà quindi distribuito alla grande. «E poi farò tanti concerti dal vivo», dice. Speriamo torni alla Spezia e magari venga anche a Genova. «Penso di sì - dice lei - e poi è la terra di De Andrè, Paoli, Lauzi». Ti ispiri un po' anche a loro? «No, ma li stimo molto come cantautori».

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Miracolo a Milano Di Vittorio De Sica Fantastico Italia, 1951 Guarda la scheda del film