Magazine Martedì 10 aprile 2007

Uomini e cani, un Salento da incubo

Un western ambientato ai giorni nostri. Così è stato definito Uomini e cani, primo romanzo di Omar Di Monopoli.
Il titolo - un omaggio sia a Uomini e topi di Steinbeck che a Uomini e no di Vittorini - rende sin dal principio la ferocia di questa storia, insieme alle macchie di fango e sangue che sporcano la bianca copertina dei libri targati (un vezzo editoriale che avevamo già notato ne di Ilaria Bernardini).

Uomini e cani è ambientato in Puglia, ma l'atmosfera descritta da Omar Di Monopoli è lontanissima dal Salento tutto pizzica sole e mare che ha invaso l'immaginario collettivo negli ultimi anni. Ricorda più la Campania di Saviano, solo che è un romanzo.
Nei dintorni di Languore (un nome un programma) una vasta area incontaminata un tempo doveva diventare un parco. Poi ha prevalso l'intrallazzo e l'incuria: abitazioni abusive, rifiuti, speculazioni edilizie. Parte da qui un intreccio farcito di violenza e disillusione, dove non mancano omicidi, torture e cani rabbiosi, appunto.

Il Comune si è messo in testa di fare qualcosa di quell'ex area verde. Non più un parco, ma un villaggio turistico, la cui costruzione è affidata al palazzinaro mafioso di turno. Dall'altra parte c'è chi ha occupato abusivamente la landa (ormai discarica) e non ha alcuna intenzione di lasciare la propria catapecchia, a costo di imbracciare il fucile.
È un libro pieno di cattivi, di personaggi moralmente dubbi o sull'orlo del tracollo etico. Tutti tranne Nico, il guardiano del parco, un uomo dal passato nobile che non crede più al futuro.

Tutta fantasia, dice l'autore, ma non il pericolo di una natura sempre più trascurata, non il problema culturale del rispetto, ambientale e sociale. La scrittura di Omar Di Monopoli - dura, ricercata e un po' ampollosa (altro carattere comune con l'autore di Gomorra) - sta anche per essere tradotta in inglese. Quello da incubo è l'altra faccia del Salento da cartolina. Nero come la pece e senza ombra di speranza.
di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film