Magazine Mercoledì 21 marzo 2007

Don Gallo: «Io cammino con gli ultimi»

Magazine - «Un giorno il mio amico Tonino Carotone mi fece conoscere Manu Chao. Parlando venne fuori che sono di Genova: "Ma allora conosci Don Gallo?" – mi disse Manu. No, non lo conoscevo. Fu così che io e il musicista basco Tonino andammo a trovarlo nella sua ».
Federico Traversa conosce in questo modo Don Andrea Gallo – il Gallo, come lo chiamano i ragazzi della Comunità. «Usciti dal suo minuscolo ufficio, io e Tonino eravamo commossi. Quando incontri persone come Andrea diventi più possibilista anche sull’esistenza di Dio».
Mi racconta come è nata la loro collaborazione e il loro libro, Io cammino con gli ultimi, (pp. 160, 14 Eu), – di cui Federico è responsabile editoriale – in uscita il 23 marzo prossimo.
Così Federico, entusiasta di quella «persona straordinaria», tornò più volte a San Benedetto, con il suo registratore, ad ascoltare quell’instancabile prete che gli parlava della sua vita, delle sue idee, delle sue speranze. Tre intensi incontri da cui è venuta fuori una lunga registrazione che Federico ha trascritto, riportando fedelmente le parole del Gallo: «Mi raccontava i suoi ricordi, il grande esempio di sua madre, i suoi incontri. Sfogliava il giornale e discuteva di attualità: Dico, eutanasia, guerre, droga». E la prima parte infatti riporta tutto questo: la sua educazione clerico-fascista, la sua scelta di appartenere al popolo di Cristo, il suo stare "fra gli ultimi", con i poveri, i tossici, le prostitute. «Poi c’è un botta e risposta fra noi due: io faccio le domande e lui risponde. Nella terza e ultima parte mi ritaglio un pezzettino, in cui faccio il punto, con le mie riflessioni».

Una domanda fa da collante a tutte le storie e gli aneddoti racchiusi in queste 160 pagine: di chi è la verità? "La verità è di tutti. Di tutti coloro che ricercano responsabilmente. Prendersi la responsabilità di ciò che succede, svegliarsi dal torpore della coscienza, innalzare il proprio sistema di valori, tendere all’unità con Dio, all’integrità, è il segreto dei segreti".
Quelle di Don Gallo sono parole forti, che arrivano dritte al punto. Spara a zero su tutto e su tutti: «Ho mandato a fanculo anche i comunisti, quando ce n’è stato bisogno». Denuncia tutto ciò che lo fa davvero "incazzare": i dogmi, il perbenismo, l’ostruzionismo, l’indifferenza. La gente che "predica bene e razzola male". Chi "si rinchiude nel recinto dell’etica e del moralismo, dispensando assiomi e dogmi dalla torre d’avorio". Le gerarchie, «che parola brutta». Provoca e si infervora, ma ti spiega, ti fa capire da dove è nato in lui il senso di ribellione e di rivoluzione. Nulla di ciò che dice è gratuito e privo di senso. E lui se ne frega delle etichette che gli hanno appiccicato in tutti questi 36 anni di attività: comunista, anarchico, no-global, abortista. Sa di avere la coscienza a posto, di essere coerente e di non mentire. Lui è così: o lo ami o lo odi.
«Andrea è un pendolo, spazia da un tema all’altro. Con questo libro posso davvero dire, a 32 anni, di aver fatto una cosa decente, seria, con la testa. E di aver imparato molto. Lui è un modello. Certo, imitarlo è impossibile. Però la sua serenità d’animo e il suo esempio è uno stimolo a migliorare. Parlare con lui è come parlare a un amico», conclude Federico.

Sfoglio le pagine del libro: leggere queste parole è come sentirlo parlare, il Gallo, con le sue battute secche, pungenti e l’odore acre del suo toscano che non toglie mai dalla bocca. Sono andata anch’io a fare due chiacchiere con lui. Impegnatissimo, sempre dietro ai suoi poveri e alla sua casella di posta intasata di mail. Sempre pronto a raggiungere gli amici che lo chiamano a questo o quell’evento: «Sono loro che mi telefonano e insistono. Mi vogliono bene», mi racconta. Parliamo a lungo, seduti alla sua scrivania stracolma: agenda, fogli, documenti, Il Manifesto, l’immagine di Don Bosco e la Costituzione italiana – il suo vademecum, assieme al Capitale di Marx e il Vangelo.
Si rivolge a me come un nonno alla nipote, felice di potermi lasciare un pezzetto della sua storia. Io, appena posso, tornerò a farci un salto: lui chiacchiera volentieri.

di Federica Verdina

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film