Magazine Mercoledì 21 marzo 2007

Don Gallo: «Io cammino con gli ultimi»

Magazine - «Un giorno il mio amico Tonino Carotone mi fece conoscere Manu Chao. Parlando venne fuori che sono di Genova: "Ma allora conosci Don Gallo?" – mi disse Manu. No, non lo conoscevo. Fu così che io e il musicista basco Tonino andammo a trovarlo nella sua ».
Federico Traversa conosce in questo modo Don Andrea Gallo – il Gallo, come lo chiamano i ragazzi della Comunità. «Usciti dal suo minuscolo ufficio, io e Tonino eravamo commossi. Quando incontri persone come Andrea diventi più possibilista anche sull’esistenza di Dio».
Mi racconta come è nata la loro collaborazione e il loro libro, Io cammino con gli ultimi, (pp. 160, 14 Eu), – di cui Federico è responsabile editoriale – in uscita il 23 marzo prossimo.
Così Federico, entusiasta di quella «persona straordinaria», tornò più volte a San Benedetto, con il suo registratore, ad ascoltare quell’instancabile prete che gli parlava della sua vita, delle sue idee, delle sue speranze. Tre intensi incontri da cui è venuta fuori una lunga registrazione che Federico ha trascritto, riportando fedelmente le parole del Gallo: «Mi raccontava i suoi ricordi, il grande esempio di sua madre, i suoi incontri. Sfogliava il giornale e discuteva di attualità: Dico, eutanasia, guerre, droga». E la prima parte infatti riporta tutto questo: la sua educazione clerico-fascista, la sua scelta di appartenere al popolo di Cristo, il suo stare "fra gli ultimi", con i poveri, i tossici, le prostitute. «Poi c’è un botta e risposta fra noi due: io faccio le domande e lui risponde. Nella terza e ultima parte mi ritaglio un pezzettino, in cui faccio il punto, con le mie riflessioni».

Una domanda fa da collante a tutte le storie e gli aneddoti racchiusi in queste 160 pagine: di chi è la verità? "La verità è di tutti. Di tutti coloro che ricercano responsabilmente. Prendersi la responsabilità di ciò che succede, svegliarsi dal torpore della coscienza, innalzare il proprio sistema di valori, tendere all’unità con Dio, all’integrità, è il segreto dei segreti".
Quelle di Don Gallo sono parole forti, che arrivano dritte al punto. Spara a zero su tutto e su tutti: «Ho mandato a fanculo anche i comunisti, quando ce n’è stato bisogno». Denuncia tutto ciò che lo fa davvero "incazzare": i dogmi, il perbenismo, l’ostruzionismo, l’indifferenza. La gente che "predica bene e razzola male". Chi "si rinchiude nel recinto dell’etica e del moralismo, dispensando assiomi e dogmi dalla torre d’avorio". Le gerarchie, «che parola brutta». Provoca e si infervora, ma ti spiega, ti fa capire da dove è nato in lui il senso di ribellione e di rivoluzione. Nulla di ciò che dice è gratuito e privo di senso. E lui se ne frega delle etichette che gli hanno appiccicato in tutti questi 36 anni di attività: comunista, anarchico, no-global, abortista. Sa di avere la coscienza a posto, di essere coerente e di non mentire. Lui è così: o lo ami o lo odi.
«Andrea è un pendolo, spazia da un tema all’altro. Con questo libro posso davvero dire, a 32 anni, di aver fatto una cosa decente, seria, con la testa. E di aver imparato molto. Lui è un modello. Certo, imitarlo è impossibile. Però la sua serenità d’animo e il suo esempio è uno stimolo a migliorare. Parlare con lui è come parlare a un amico», conclude Federico.

Sfoglio le pagine del libro: leggere queste parole è come sentirlo parlare, il Gallo, con le sue battute secche, pungenti e l’odore acre del suo toscano che non toglie mai dalla bocca. Sono andata anch’io a fare due chiacchiere con lui. Impegnatissimo, sempre dietro ai suoi poveri e alla sua casella di posta intasata di mail. Sempre pronto a raggiungere gli amici che lo chiamano a questo o quell’evento: «Sono loro che mi telefonano e insistono. Mi vogliono bene», mi racconta. Parliamo a lungo, seduti alla sua scrivania stracolma: agenda, fogli, documenti, Il Manifesto, l’immagine di Don Bosco e la Costituzione italiana – il suo vademecum, assieme al Capitale di Marx e il Vangelo.
Si rivolge a me come un nonno alla nipote, felice di potermi lasciare un pezzetto della sua storia. Io, appena posso, tornerò a farci un salto: lui chiacchiera volentieri.

di Federica Verdina

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Il Viaggio (The Journey) Di Nick Hamm Drammatico Gran Bretagna, 2016 Guarda la scheda del film