Magazine Martedì 20 marzo 2007

La ragazza dei miei sogni

Il tizio mi guardava come Ettore fa con il gatto Silvestro, o Silvestro con Titti. In Ogni caso era chiaro che il mio posto nella catena alimentare era immediatamente sotto al suo.

Sono state le prime due righe a farmi innamorare dell’opera prima di . Francesco ama autodefinirsi immaginauta e prima di pubblicare Ragazza dei miei sogni, edito dalla (195 pp – 10.5 Eu), ha immaginauto e scritto diversi saggi su magia e paranormale, collabora con e – recita la sua biografia – si diletta a terrorizzare i suoi amici. Se gli esiti privati sono gli stessi scatenati con il suo romanzo, credo possa essere divertente – da morire – passare una serata organizzata da lui.

Il suo romanzo è una storia d’amore, ma che fa paura. Il protagonista è un ragazzo introverso, un ricercatore universitario della Roma bene, eternamente innamorato di una ragazza che non lo fila. Per consolarsi passa le sue notti al computer tra una chat erotica e l’altra.
La sua vita cambia quando incontra Sofia, la ragazza perfetta, quella che ha sempre atteso e amato ancor prima di conoscerla; insomma, la ragazza dei suoi sogni, letteralmente.
La loro storia è straordinaria e normale. Quello tra lui e Sofia è un amore che chiunque può sentire vicino, fatto di corse sotto la pioggia, partite a frisbee e di una buona dose di sensualità. Il lettore vive con il protagonista le sue ansie, la sua gioia e anche la sottile paranoia che traspare già dalle prime pagine quando un terrore simile all’impercettibile stonatura in un’orchestra si insinua prima di manifestarsi in tutta la sua forza.

Dimitri si diverte a raccontare di una Roma oscura, lontana dai lucchetti di Ponte Milvio eppure romantica, nella quale Amore e Morte si rincorrono fino diventare una cosa sola, capace di attrarre e terrorizzare allo stesso tempo.
La ragazza dei miei sogni è un horror originale, capace di dare una dimensione nuova alle parole che ogni innamorato vorrebbe sentirsi dire e che mostra, senza ombra di dubbio, che per ognuno c’è qualcuno. Sempre.
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film