Concerti Magazine Venerdì 2 marzo 2007

Gog: Goerne, un baritono sentimentale

Magazine - Su, aprite l’agenda. Lunedì 5 marzo 2007, ore 21.00, Teatro Carlo Felice. Prendete la penna e scrivete: Concerto – sono annullati tutti gli impegni. Mi raccomando sottolineate, perché di fronte ad un invito a cena nella vostra trattoria preferita non fingiate di non aver letto il perentorio avviso. Di chi è il concerto? Volete proprio saperlo? Non siete ancora convinti che il programma della Giovine Orchestra Genovese riservi sempre delle belle sorprese? Va bene, tranquillizziamo gli inquieti e informiamo i curiosi: se ho dato queste inderogabili indicazioni sulla gestione dei vostri impegni personali, è perché quello di lunedì prossimo sarà uno dei pezzi forti di questa stagione, una delle perle più luccicanti di questa collana musicale (metafora evidentemente destinata alle femminucce): canterà il baritono tedesco Mathias Goerne, artista di statura mondiale, voce calda e profonda, repertorio vastissimo; ad accompagnarlo al pianoforte il bravissimo Eric Schneider.

E di questo sterminato repertorio, di questa voce fantastica, di questa grande esperienza avremo il privilegio di ascoltare ciò per cui sono più note e ammirate al mondo: i lieder; si tratta di componimenti vocali di dimensioni contenute, tipici della tradizione musicale tedesca e caratterizzati da testi poetici e melodie particolarmente cantabili. Se questo non bastasse a giustificare il buco nero che ho suggerito di posizionare sulle vostre agende, aggiungerò che i lieder hanno conosciuto la propria maggior fortuna presso i compositori romantici e lunedì ascolteremo proprio un ciclo tra i più importanti di tale epoca, Die Schone Mullerin (La bella mugnaia) di Franz Schubert.

Goerne venne già l’anno scorso alla GOG, sempre un ciclo di lieder di Schubert, Winterreise: non avete che da chiedere ai fortunati che comprarono il biglietto l’anno scorso.
Per chi ancora dubita se rinunciare al fritto misto in trattoria, alla partitella con gli amici o al classico pizza-birra-film sul divano di casa, spenderò un’altra cartuccia, di carattere sociologico più che musicale. Questo concerto ci permetterà di sfatarne uno tra i più persistenti: la supposta freddezza dei tedeschi.

Ascoltate la fantasia con cui la musica di Schubert racconta la vicenda del giovane viandante che, innamoratosi non corrisposto della bella mugnaia, si getta nel fiume; ascoltate la sensibilità con cui le note sanno accompagnare di volta in volta, la trepidazione, la gioia, la delusione, e con cui riescono a descrivere mulini, ruscelli e prati fioriti. Ascoltate come la voce di Goerne saprà interpretare questa struggente storia amorosa. E poi vedremo se continuerete a pensare che il genere di musica più sentimentale è la canzone napoletana.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Alps Di Giorgos Lanthimos Drammatico Grecia, 2011 Un gruppo di quattro persone denominato Alps (un'infermiera, un paramedico, una ginnasta e il suo allenatore) offrono, dietro pagamento di un’elevata cifra, un supporto particolare alle famiglie che hanno perso i propri cari. In un clima di annullamento... Guarda la scheda del film