Magazine Martedì 20 febbraio 2007

La posta del cuore

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Cara Antonella,
apprezzo molto le tue risposte, sempre dirette, mai consolatorie.
So che non ti è possibile leggere nella mente ma soprattutto nel cuore di un uomo, ma vorrei sentire una tua riflessione sul tema del "ritorno": il ritorno di un uomo che, dopo un anno di intensa frequentazione, passione, si è allontanato affermando di non essere innamorato, e quindi di non potermi dare quello che io meritavo (amandolo).
Siamo entrambi adulti: lui ultraquarantenne, io con dieci anni in meno, ma
comunque una donna. Entrambi con vissuti ed esperienze che ci hanno lasciato cicatrici dentro. Io forse, rispetto a lui, non ho perduto però la voglia di vivere le emozioni, senza paura.
Una donna innamorata che l'ha riaccolto quando mi ha nuovamente cercata, nuovamente voluta nella sua vita - poco dopo in realtà - ma certo le parole a volte pesano come macigni.
Ora vivo questa nostra nuova intesa come un dono, ma a volte mi chiedo cosa l'abbia spinto di nuovo verso di me: l'amore? La tristezza del sentirsi di nuovo solo? La mancanza del mio amore?
So che potrei semplicemente chiederglielo, ma ahimè - e so che forse mi "sgriderai" per questo, se vorrai rispondermi - non ne ho il coraggio.
Cosa ne pensi?

Un caro saluto
Chiara

Cara Chiara,
figurati se ti sgrido, dieci anni di differenza sono tanti - sto parlando delle rispettive esperienze - ed è normale che tu sia più dipendente di lui. Innanzitutto - per quello che mi è parso di capire - per via della sua immagine di uomo disilluso, forse cinico, poco motivato, che è un vero classico e non sbaglia un colpo o quasi. Poi, appunto, perché lui ha molta più esperienza di te ed evidentemente la sa usare. Infine perché tu sei innamorata, magari lo è anche lui, ma il rapporto di potere sembra tutto dalla sua parte.
Quindi hai tutte le giustificazione del mondo. Compresa quella - dico per dire - di avere paura che lui si sia allontanato perché aveva trovato un altro interesse e non era stato abbastanza corretto da dirtelo. Da un certo punto di vista è meglio così: meglio assumersi le responsabilità senza tenere l'altro sulla corda. Le confessioni sono spesso armi terribili. Chi confessa si leva di dosso - o da dentro - una parte della responsabilità e chi subisce la confessione si trova spesso nella scomoda e penosissima condizione di dover operare una scelta che non gli spetta.

Sai, io non gli chiederei perché è tornato. Come spesso accade credo che tu lo sappia, ma preferisca che sia io a dirtelo, o fartelo immaginare. Gli chiederei che intenzioni ha. Se ha voglia di vedere la vita come una possibilità o se preferisce continuare a struggersi e scappare quando gli gira.
Cara Chiara, non temere che lui si arrabbi o si rinchiuda in se stesso o qualunque altra cosa del genere.
È tornato, no? Allora vuol dire che il rapporto di potere forse si sta equilibrando un poco. Approfittane, cerca di costruire un rapporto adulto - come sembri desiderare - senza equilibri instabili di potere. Cancella quello che è successo, ma solo se riesci a parlare onestamente di ciò che potrete fare insieme. Che, l'ho detto credo un paio di settimane fa, vuole proprio dire insieme e quindi non prevede fughe o scappatelle o arrivederci, non ti amo, ma magari - visto che l'ho passata liscia una volta - tornerò...

Auguri,
Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Macchine mortali Di Christian Rivers Azione 2018 Dopo una guerra che ha devastato il mondo in sessanta minuti, ridefinendone addirittura la geografia, Londra è diventata una città predatrice, in movimento su enormi cingoli e armata di arpioni, che ha lasciato l'Inghilterra in cerca di... Guarda la scheda del film