Magazine Lunedì 22 gennaio 2007

Scanavino‑Crispolti: carteggio d'artista

Magazine - Mercoledì 24 gennaio, alle ore 17.30, presso il , verrà presentato il volume di Rachele Ferrario, Scanavino e Crispolti. Carteggio 1957-1970 e altri scritti (Silvana Editoriale).
Interverranno all’appuntamento Giorgina Scanalino, i critici d’arte Germano Beringheli e Enrico Crispolti, l’autrice Rachele Ferrario e la direttrice del Museo di Villa Croce Sandra Solimano.

Il libro, pubblicato da Silvana Editoriale all’interno della collana Biblioteca d’Arte Contemporanea, e disponibile fra pochi giorni nelle librerie italiane, raccoglie la fitta corrispondenza tra l’artista genovese e il critico romano dal 1957 al 1970.

Il volume rappresenta un esempio di raccolta epistolare completa e restituisce, dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, la storia di un artista già stimato e apprezzato a livello internazionale, e quella di un più giovane critico, formato alla scuola di Lionello Venturi, che diventerà uno dei più attenti studiosi dell’informale italiano ed europeo.
Dal carteggio emergono l’attualità della poetica del segno e della materia di Scanavino e il confronto del suo linguaggio pittorico con l’informale di matrice europea, in particolare con la lezione di Wols, Mathieue con le suggestioni di Bacon e di Paolozzi.
L’autrice attraverso le lettere, i documenti e i materiali di ricerca conservati nell’Archivio Scanavino e nell’Archivio Crispolti, traccia un percorso di testimonianze e fatti molto spesso inediti, che riconducono a un sentire comune tra i due e la loro epoca.

"Mano a mano che ci si inoltra nella lettura dell’epistolario – scrive la Ferrario – ci si rende conto che il rilievo non è solo nel valore documentario, nei modi diretti e colloquiali, nella passione e nell’autenticità che talvolta si ritrova nel dialogo tra Crispolti e Scanavino, ma che il leitmotiv di queste lettere è nelle fondamentali e inconsuete linee di ricerca indagate di volta in volta dai due protagonisti".

Accanto alla ricostruzione fotografica dei dipinti e delle sculture cui si riferiscono le lettere, sono ripubblicati nel taccuino critico i testi, in parte mai pubblicati, scritti da Crispolti su Scanavino, con cui il critico ci lascia l’inventario dell’eredità di uno dei maestri del dopoguerra italiano.

Rachele Ferrario (Legnano, 1966), storica e critica d’arte, insegna Fenomenologia delle Arti Contemporanee all’Accademia di Brera e scrive di arte per il Corriere della Sera.
Nel 2005 ha pubblicato da Sellerio Lo scrittore che dipinse l’atomo. Vita di René Paresce da Palermo a Parigi.
Nel 1998 ha scoperto 45 dipinti inediti di Paresce e ne cura la catalogazione delle opere.
A Emilio Scanavino ha dedicato mostre e saggi tra cui La religiosità laica nella pittura di Emilio Scanavino. Dal 1994 ha collaborato con l’Archivio Scanavino alla catalogazione generale delle opere dell’artista.

Per info
010 580069

www.museovillacroce.it

di Federica Verdina

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Che bella giornata Di Gennaro Nunziante Commedia Italia, 2011 Milano. Checco, security di una misera discoteca della Brianza, a causa del pericolo di attentati che richiede misure straordinarie per i luoghi a rischio, si ritrova a lavorare come addetto alla sicurezza del Duomo di Milano. In poco tempo e grazie alle... Guarda la scheda del film