Concerti Magazine Giovedì 18 gennaio 2007

Bobby Soul sbanca l'Indie Music Like

Magazine - La vita comincia a quarant’anni. O forse sarebbe meglio dire “continua”. O forse tutt’e due, boh. Ce lo potrebbe spiegare Alberto De Benedetti, aka , nome storico della scena musicale genovese (io: «cavolo, venivo ai tuoi primi concertini, quindici anni fa»; lui: «vuoi proprio farmi sentire vecchio?»), che dopo aver prestato la sua voce a quasi tutti i progetti più importanti degli ultimi lustri (io: «dai, mi ricordo della Genova Indians Posse, era il ‘92», lui: «ma la smetti?») ha pronto in saccoccia il proprio album solista. Il primo, da solo.

«”Da solo” fra virgolette. Draghi rossi e buchi neri è quasi una compilation: sono brani realizzati negli ultimi due anni, e la maggior parte sono collaborazioni». 18 tracce, con una cover di Battisti-Mogol (Un uomo che ti ama), due pezzi di Bob Quadrelli (Love is a mess e Dammi un brivido) ed uno del cuneese Leo Martina (Mai dirò). Prodotto dall’etichetta torinese Mo-Beat di Josh Sanfelici (Fratelli di Soledad, Mau Mau, Roy Paci) e Suriak, dovrebbe vedere la luce a metà marzo.

L’abbiamo ascoltato in anteprima è c’è davvero tanta carne al fuoco. Riassumendo, è una bella bomba funk. Con pezzacci groove tutto basso e chitarra ritmica (Maschio # 1, Sono io il cattivo), altri più soul dal sapore sensasciou (Sull’onda buona, Dammi un brivido), altri ancora elettronici (Hei deejay, I giorni di festa hanno sempre le ruote), ma non mancano i momenti più intimi, fra cui la commovente Love is a mess cantata da («un regalo che mi ha fatto, non potevo non metterlo»).
Come sempre, arrangiamenti raffinati e melodie che ti entrano nell’orecchio. E, inaspettatamente, la bella voce di Alberto che non gioca da protagonista. «Ma a me non piace tanto, invece», si schermisce lui. Ci sono i tipici giochi vocali “marca Bobby Soul” «un po’ è la tradizione funk, prendi Sly & The Family Stone. Un po’ è il mio passato con Voci Atroci e Sensasciou. In effetti amo usare la voce con diversi timbri, mi piace esplorarne le capacità. Forse sono un po’ schizofrenico», scherza.
Oggi d’altronde non esiste più l’”ascoltatore puro”. «Ormai la musica è un grande magma, che si sente per frammenti: mp3, myspace, youtube». Da questo punto di vista il fatto di aver confezionato un album eterogeneo può essere un vantaggio. «Non so. Ci sono artisti che usano gli stessi suoni per un intero disco, e probabilmente premia di più commercialmente. Sono scelte. Tieni anche conto che quest’album sono riuscito a farlo nei ritagli di tempo».

Cresciuto a pane, soul e funk, Bobby ha vissuto quello straordinario momento che ha visto fiorire l’ , un periodo fertilissimo e non più ripetuto: «lì ho conosciuto Quadrelli, e Vittorio Dellacasa [, ndr]».
Dopo di voi il niente. «Bè, no, dài. Sono usciti i , e forse anche meglio di noi. E stanno facendo un gran lavoro con la . Poi secondo me hanno fatto una scelta coraggiosissima : li ho sentiti e li ho trovati davvero convincenti». Comunque, Meganoidi a parte, il problema c’è. «Un po’ sono le istituzioni, che non fanno nulla. Un po’ è un fatto anche demografico. Però è vero, c’è in effetti un po’ di riflusso».

Oltre al disco ci sono all’orizzonte altri progetti. Come un network funk con Soul-boy (Isola Posse): si comincia con una serata che riunirà tutti quelli che bazzicano il genere in Italia, con Blindosbarra e Ridillo, e vari dj. «E poi ripeteremo l’esperienza in giro per l’Italia, un modo per raccogliere le energie». Primo appuntamento al Milk il 2 marzo e poi al Link di Bologna il 30/4.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Nostra Signora dei Turchi Di Carmelo Bene Drammatico Italia, 1968 Al protagonista, un intellettuale così febbricitante da sembrare patologicamente irrecuperabile, riaffiora un confuso ricordo di una strage compiuta dai turchi a Otranto. Immedesimandosi in una delle vittime, nell'inconscio proposito di sviscerare... Guarda la scheda del film