Magazine Martedì 16 gennaio 2007

La posta del cuore

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Care e cari,
lo "spieghino" iniziale sta diventando un'abitudine. Di nuovo doppia posta, un po' perché non posso farvi aspettare troppo (troppissimo?), un po' perché queste due mail -così profondamente diverse- hanno qualche analogia. Sia perché si presume -e si spera- siano state scritte da persone vicine per età, sia perché in entrambi i casi più che di amore sembra si parli di attrazione fisica o del suo contrario.
Di che pensarci un po' su.

titolo: HELP ME!
Sn confusa. ho conosciuto un raga 2 mesi fa via chat, ci siamo innamorati ma lui era lontano(circa 660 km ). è venuto a trovarmi x 2 gg, sn stata molto bene cn lui; il fatto è ke nn era cm mi aspettavo (esteticamente dico... xkè caratterialmente mi piace un casino. ma avevo in testa un'immagine di lui ke nn si è poi rispekkiata) cmq sia mi sn imposta ke dovevo starci, anke xkè ero cottissima d lui e nn ho saputo dirgli di no. ora ke lui è andato via, nn mi manca affatto, sento d nn amarlo + cm prima ma nn voglio farlo soffrire, nn voglio ke lui pensi ke l'ho solo illuso. ci credevo anke io in quello ke ho fatto e se gli ho detto ke lo amavo è xkè era così. nn voglio ke lui pensi ke l'ho solo preso in giro xkè nn è così. nn so ke fare... mollarlo così su 2 piedi nn se ne parla, me ne potrei pentire e poi lui soffrirebbe troppo ma continuare a fingere d stare bene, illudermi ke piano piano tutto tornerà come prima e SOPRATUTTO continuare ad illuderlo nn posso nemmeno. COSA FACCIO??? AIUTATEMIIIII. penso ke il mio comportamento dipende dal fatto che sono talmente insicura di me stessa. vorrei ke lui nn fosse mai stato da me.

Cara anonima,
lo penso anch'io, penso anche che tu sia davvero molto giovane e che il linguaggio confuso di cui ti servi -usando a pretesto lo stile sms- rispecchi perfettamente il tuo stato d'animo.
Ormai l'avrai già mollato, spero, è passato un mesetto da quando ho ricevuto questa mail, ma ti rispondo lo stesso perché mi hai chiesto aiuto e ci tengo a provare a spiegarti dove fai davvero confusione: innanzitutto amore è una parola grossa da usare dopo qualche contatto attraverso l'illusione delle chat ed è ancora più grossa se la usi al primo incontro senza esserne troppo convinta. In futuro sii un po' più prudente che -come hai scritto tu- vuole dire anche meno insicura. Soprattutto meno insicura di non riuscire a trovarne un altro... Poi non ti biasimo perché hai fatto la tua scelta in base all'aspetto esteriore, ma perché ti piace illuderti che alla tua età ci possa essere qualcosa di definitivo che posa sui basi tanto fragili -chat e fisico compresi- mentre hai ancora troppo da crescere. Infine ti consiglio di iniziare a lavorare un poco su di te cercando quello che sta alla base della tua insicurezza, non mi hai dato nessun indizio per capirlo e dirtelo.
Auguri,
Antonella

titolo: Quando Lui è peggio della droga... e pensi che sia solo un gioco tra te, Lui e i vostri corpi... e poi ti accorgi che senza di Lui sei vuota.
Ciao, spero che tu possa aiutarmi perché veramente ho paura di questa situazione...
Ho 19 anni, conosco A. da 3 anni, lui ha 20 anni, ultimamente abbiamo avuto una storia di 9 mesi, una storia strana, non come le altre. Lui è la persona che mi conosce meglio, che sa ascoltare perfino I miei silenzi, I miei pensieri più nascosti...
Era iniziato tutto in maniera diversa, ci si vedeva così da "amici", tranquillamente, le nostre uscite erano per ricordare I vecchi tempi, le vecchie amicizie, le vecchie abitudini di sempre.
Col passare del tempo sentiamo che la cosa inizia a essere un po' strana, ci cerchiamo spesso, iniziamo a vederci anche più volentieri, abbastanza spesso direi, capiamo che qualcosa ci ha catturati, quel qualcosa che non riuscivamo a capire, l'unica cosa che capivamo era che non eravamo capaci di stare lontani, l'uno dall'altra.
Iniziamo a frequentarci in modo diverso, in modo caloroso, passionale, ma dentro di noi non c'era quel sentimento così grande come l'amore, forse qualcosa di peggio... Sapevamo entrambi che era sbagliatissimo vedersi così, senza avere obblighi per l'altro ma eravamo come delle calamite e più ci dicevamo che doveva finire, più andavamo avanti perché ci piaceva. Non stavamo mai in mezzo alla gente, questo ci imbarazzava tantissimo, eravamo solo io lui e I nostri corpi. La cosa iniziava a diventare pesante, più che altro faceva paura perché nessuno era così forte da dire basta, finita! oppure quando ci provavamo il giorno dopo eravamo di nuovo come il giorno prima, al punto di partenza, ma a quello più bello, che avevamo creato noi.

Ci rendiamo conto che era diventata una droga, se non peggio, eravamo drogati dei nostri di piaceri, di noi stessi.
Forse era diventata anche un'abitudine ma non vedevo un fine ad un rapporto che concretamente non era mai iniziato.
...e invece, quando meno ce lo aspettavamo, dopo quasi 9 mesi, lui ha conosciuto un'altra, sta con lei, una più grande di lui che doveva anche sposarsi con un tipo che abita lontano... e quindi mi chiedo se lui sia un rimpiazzo per lei oppure lui ha trovato davvero quella giusta con la quale instaurare un rapporto normale, un rapporto d'amore che noi non siamo mai riusciti a stabilire per l'essere troppo presi da altro, che però in quel momento non ci importava perché stavamo benissimo lo stesso.
Si decide di rimanere amici, semplici amici... molto difficile, ma io mi accorgo che lui è troppo preso da lei per ricordarsi della mia amicizia che in fondo non è mai esistita!

Qualche giorno fa abbiamo chiuso definitivamente questa nostra "storia", abbiamo parlato mezz'ora al telefono e non abbiamo concluso nulla di positivo, solo rancori, brutte parole e addii.. Già, non vuole più vedermi e sentirmi perché dice che se sono sua amica, si trova scomodo nella situazione in cui si trova adesso... mi ha solo detto che gli mancherò!
Io ci sto malissimo, non credevo che una volta finita fosse così dura, facesse così male da avere I crampi allo stomaco solo perché siamo stati stupidi da non avere avuto un rapporto di dialogo che ci facesse capire cosa stava succedendo realmente...
Ma in quel momento non ci importava... ed ora dopo una settimana invece mi accorgo che senza di A. mi sento vuota, sento che mi manca quella persona che con poco era capace di mettermi sulla strada più giusta, che sapeva capirmi all'istante se qualcosa non andava!
Ci conto, in una tua risposta, in un appoggio morale... ti ringrazio in anticipo...
ilaria

Cara Ilaria,
per una volta mi tocca ammettere di non averci capito quasi niente. Perché fai dei misteri e non spieghi esattamente come mai, quando ti sei messa con il tuo amico, avete pensato subito tutti e due che avreste dovuto chiudere. A me pare talmente naturale che un'amicizia profonda come la vostra trovi la sua conclusione in una storia d'amore! Senza contare che mi sembra che tu abbia certa tendenza al dramma, non fosse che per le parole di cui ti servi. Sia chiaro che credo alla tua sofferenza, ma mi sembra che tu la stia facendo un po' grossa e soprattutto che tu nasconda qualcosa. Che senso ha un rapporto praticamente clandestino tra due ventenni non sposati? Quando lo avrai capito, avrai capito bene anche cosa non ha funzionato.
Per il resto ti dirò che, se dietro a tutti i tuoi misteri non si nasconde niente di grave ma solo qualche timore immaturo da ragazzini tipo gli amici ecc., non è escluso che il tuo ex amante ritorni da te, magari più maturo, magari un po' ammaccato, magari con un bagaglio di esperienze nuove da condividere.
Lasciagli però il tempo di viverle, quindi sparisci e cerca di ricominciare a vivere -pubblicamente- anche tu.
Auguri,
Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film