Magazine Giovedì 4 gennaio 2007

Segnali di Fumetto

© Leo Ortolani
Una misteriosa figura si aggira, senza pace, per i vicoli della città... fruga tra le ombre della notte, come per trovare un significato alla sua esistenza... mentre i ricordi tornano alla sua infanzia, segnata da un doloroso ricordo... quando perse entrambi i genitori ad una svendita in un grande magazzino...

È il 1990 quando il personaggio creato, disegnato, sceneggiato e – è storia di oggi – animato da Leo Ortolani prendeva vita sulle pagine de . Era l’inizio di una nuova era per il mondo dei fumetti e per i criminali. In mezzo a tanti eroi in calzamaglia carichi di muscoli e gadget e che trovano assolumente normale portare le mutande sopra i pantaloni, faceva la sua apparizione un personaggio che – sono parole del suo creatore - «è un povero deficiente, che va in giro in calzamaglia e con delle orecchie da topo in testa».
nasce come parodia, dissacrante, politicamente scorretta e grottesca di cult movie, fumetti epocali e personaggi della nostra infanzia ma – pur partendo da essi – non ne rimane prigioniero, anzi.
Fra citazioni e trovate comiche la parodia diventa citazione, il prodotto finito unico. Leggendolo è facile vedere come l’estro di Ortolani sia simile a quello che Mel Brooks utilizzava nei suoi capolavori comici. Le sue caricature, infatti, come il leggendario Frankenstein junior vivono al di là dell’originale, superandolo.

Il risultato di un simile lavoro è misurabile nel successo dei suoi albi, venduti ad un numero crescente di Rat-Fan ma non solo. Dopo anni di lavoro Rat-Man – lo scorso novembre – è approdato sul piccolo schermo. Peccato che la sappia gestire i prodotti con alto potenziale come un bambino gestirebbe un Picasso e così, dopo averlo messo in onda all’improvviso e senza comunicarlo, dopo aver scelto una fascia oraria lontanissima dai fan del personaggio ha deciso, dopo appena 14 episodi sui 52 previsti che la serie, assieme al pomeriggio di cartoni animati, andava sospesa.
Colpa dell’audience che non ha premiato un progetto su cui Mamma-Rai ha investito o, come avviene spesso, di una cattiva gestione di RAI 2. La testimonianza di e il passato della seconda rete fanno propendere per la seconda iptesi. Ricordate Friends, la serie più vista della storia della televisione? Per anni gli spettatori della serie sono stati costretti ad una vera e propria caccia al tesoro per vederlo, visto che passò dalla fascia pre-serale all’ultranotturna, dalla giornaliera alla casuale fino a diventare tappabuchi per tutti quei programmi iniziati e sospesi.

E così, in attesa che torni in TV – in RAI dicono che avverrà presto – ai suoi affezionatissimi fan non resta che confidare sull’antico proverbio per cui video volant, scripta manent e sulle uscite mensili edite da (una di inediti e due ristampe), che occuperanno le edicole italiane, isole comprese fino al gennaio del 2014.
Sembra infatti che Ortolani sia deciso a spremere la vena comica del suo personaggio fino al numero 100. Inutile aggiungere che Rat-Man verrà seppellito da una risata.

Consigli per gli acquisti: La serie regolare è arrivata al numero 59, la prima ristampa al 24 e la seconda al 12. Avvicinarsi anche casualmente al personaggio costa un paio di Euro, un po’ di più quando si parla degli speciali. Tra l’ufficio arretrati della , le care e vecchie fumetterie e le mai dimenticate bancarelle sono tante le occasioni per incontrare il povero deficiente che va in giro in calzamaglia: un vero eroe.

Buona Lettura!
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Hannah Arendt Di Margarethe Von Trotta Drammatico Germania, Lussemburgo, Francia, 2012 Scappata dagli orrori della Germania nazista, la filosofa ebreo-tedesca Hannah Arendt nel 1940 trova rifugio insieme al marito e alla madre negli Stati Uniti, grazie all'aiuto del giornalista americano Varian Fry. Qui, dopo aver lavorato come tutor universitario... Guarda la scheda del film