Concerti Magazine Giovedì 30 novembre 2006

Zero Plastica: rap dal Mar Ligure

Magazine - Il nostro viaggio nella comunità hip hop incontra oggi il gruppo Zero Plastica, ovvero NioSiddharta e Lurè, due ragazzi di 26 e 24 anni che hanno già una lunga esperienza sul campo, come dj, mc e produttori. Il loro debutto sulla scena genovese è avvenuto durante il G8, quando hanno diviso il palco con Assalti Frontali e Colle der Fomento. Mica male.
Qualche giorno fa ci hanno portato un po' di materiale da sentire, tra cui il loro primo album, Zero Plastica. «Stiamo lavorando al secondo - dicono - ma c'è ancora molta strada da fare».

Dal 2001, quando hanno formato il gruppo, i due lavorano gomito a gomito. Dicono di avere ruoli distinti nella composizione: una positiva (Lurè) e una castrofica (Nio's). «I nostri percorsi si sono uniti proveniendo da strade diverse - dice Lurè - quando proviamo ci confrontiamo continuamente».
Zero Plastica, il loro cd di debutto, è una sorta di autopresentazione: «un concept nel quale volevamo far capire chi siamo, cosa pensiamo riguardo ai problemi del mondo». Per loro stessa ammissione, il prodotto finale è risultato un po' acerbo, ma già lì si sente il funk, deciso e coinvolgente, che li caratterizza.

«Il problema è che l'hip hop americano è sempre più la celebrazione del consumismo - dice Nio's - mentre noi preferiamo rifarci alle nostre radici. Anche se io ho iniziato ad ascoltare il rap con Cypress Hill e De la Soul». In Italia i punti di riferimento iniziali sono OTR, Articolo 31, Sottotono.
Ma con il passare del tempo i due si avvicinano alla tradizione ligure (trallallero, i cantautori) e a chi negli ultimi anni si è dimostrato più sensibile al recupero in chiave moderna della tradizione musicale: in particolare i . «Riprendere le radici e cantarle con il rap, questo è il nostro motto», dice Lurè. Il loro stile di produzione oggi è prendere gli spunti di De Andrè, Bindi, Tenco, Lauzi e stravolgerli. «Pasta al pesto, non hamburger», è un altro motto dei due.

Qualche curiosità sui nickname. NioSiddharta è un mix di Matrix ed Herman Hesse: «Il protagonista del film è quello che cerca di far vedere agli altri il mondo così com'è, mentre il personaggio di Hesse è colui che sa aspettare, meditare e digiunare. Comunque ora mi chiamano anche "Maniman"». Già, i nomi si danno a manciate nell'hip hop. E Lurè? «Il Re!», dico io pensando di aver capito tutto. E lui: «No, è che mi chiamo Lorenzo e suonava bene».

Per info
www.zero-plastica.com
zero-plastica.blogspot.com
www.myspace.com/dj_nios

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Amici miei Di Mario Monicelli Commedia Italia, 1975 Quattro uomini di immatura mezza età, amici di vecchia data, ai quali si aggiungerà poi un illustre clinico, trascorrono le giornate di libertà architettando scherzi d'ogni sorta: canzonano i vigili urbani, prendono a schiaffi i viaggiatori... Guarda la scheda del film