Magazine Lunedì 6 novembre 2006

Il futuro del mondo è una Valle Secca

Nella foto: la copertina del libro 'Il requiem di Valle Secca'

Magazine - Dagli anni Novanta, in Italia, sono emersi filoni prevalentemente commerciali come il cyberpunk, lo splatterpunk, il noir, il pulp. Da questi filoni stanno emergendo delle proposte e delle contaminazioni narrative sempre più stimolanti e ricche di sfumature espressive.
È in quest’ambito che si colloca Il requiem di Valle Secca, romanzo d’esordio di Lorenzo Mazzoni, già conosciuto nel mondo della rete grazie agli e-book Il sole sorge sul Vietnam, Le bestie e Privilegi (www.kultvirtualpress.com ), interessanti e coraggiosi collage di narrativa, storia, fotografia e reportage.

Valle Secca è una città di un futuro immaginario, una città all’ultimo stadio prima dell’estinzione, una città maleodorante, cupa, circondata da un polo chimico che produce i veleni più tossici del mondo. Asdrubale, il protagonista-reietto, gestisce un sito di letteratura pornografica, è un ciccione di 153 chili, si divide tra la passione per Patty Pravo e quella per Teodora, un’eterea cameriera incontrata in un ristorante cinese.
Con un gruppo di aiutanti mal assortiti che sembrano appena usciti da una puntata dei Simpson cerca di ribaltare le sorti della sua decadente città, tentando di espropriare “l’autentico miracolo”, ossia il giardino privato del Direttore numero 3, il padrone di Valle Secca e della sua gente.

Mazzoni ritrae un personaggio antieroico, un perfetto "signor nessuno" che poco alla volta acquista fiducia in sé stesso, ed è anche pronto a sacrificarsi pur di portare a termine il suo impegno.
Il romanzo, ambientato in un futuro prossimo, ma rivolto ad analizzare impietosamente lo sfacelo del nostro tempo, è narrato con un efficace taglio ironico e trae la sua forza dai personaggi, nelle allegorie e nelle metafore. Supportato da un ritmo serrato, percorso da simboli visionari e surreali, questo testo ci offre, con uno stile moderno ed efficace, una prova letteraria di grande effetto.
Uno scrittore davvero interessante nel panorama della nuova narrativa italiana.

di Carlo Tabrocchi

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film