Concerti Magazine Teatro Carlo Felice Venerdì 3 novembre 2006

Ottoni e pifferi per il lunedì della Gog

Nelle immagini la Banda dell'Esercito Italiano in concerto

Magazine - Probabilmente sono stato l'ultimo bambino a giocare con i soldatini. Forse invece c'è ancora qualcuno che, trascurando videogiochi e televisione, continua nel segreto della sua cameretta ad allineare granatieri rossi, corazzieri luccicanti, bersaglieri piumati, nordisti blu e sudisti grigi.
Come me, ogni bambino che si sia dedicato a questa nobile arte, sa che in uno schieramento degno di questo nome non deve mancare la banda, capace di ravvivare e trascinare il resto della truppa con i suoi strumenti (e in fondo non importa che le note prodotte dai piccoli musicisti di piombo si possano solo immaginare). Le bande non hanno affascinato solo bambini e generali, ma anche tanti compositori, che, sensibili al suono energico e vivace di ottoni e pifferi, più che al loro scintillio, hanno impiegato un po' (chi più chi meno, esistono anche dei veri e propri specialisti) del proprio talento per scrivere musica destinata ad un organico bandistico.

Se forse i soldatini ormai sono quasi scomparsi, le bande militari in carne, ossa e ottone esistono ancora: perfino in tempi di bombe intelligenti, Iraq e atomiche, fiati squillanti e tamburi rullanti trovano un posto nella gerarchia militare. È il caso della Banda dell'Esercito Italiano, diretta dal m° Fulvio Creux, che suonerà lunedì 6 novembre al Carlo Felice nell'ambito della stagione .

E senza pensare troppo ad eventuali anacronismi, anzi lasciandoci trascinare da ricordi e suggestioni, godiamoci la possibilità di ascoltare il repertorio di musica per bande suonato da formazioni davvero eccellenti per qualità, organico, tradizione, come quelle appartenenti ai grandi eserciti europei. La banda in questione, attivissima in Italia e all'estero, ci presenterà un programma interamente costituito da pezzi scritti appositamente per bande: si tratta di un'ottima scelta, poiché al suono peculiare di questo tipo di formazioni musicali si addicono molto di più i brani ad esso specificamente dedicati, piuttosto che trascrizioni di qualità spesso non eccelsa.
Tale selezione non obbliga a trascurare i grandi della storia della musica classica: infatti troviamo, accanto a tre di coloro che abbiamo definito “specialisti” del genere (non a caso tutti e tre americani, vista la passione che oltre oceano nutrono per le bande, militari e non), ossia John Barnes Chance con Variations on a Korean Folk Song, Alfred Reed con A Festive Ouverture e Luigi Zaninelli (tra l'altro ottimo compositore di colonne sonore) con The Magic Ballroom, uno dei più importanti compositori romantici, Hector Berlioz. La sua Grande Symphonie funèbre et triomphale, scritta per l'inaugurazione della colonna monumentale in piazza della Bastiglia a Parigi, mostra tutta la passione civile, l'amore per le grandi cerimonie, la fantasia visionaria del compositore parigino, vero esempio di intellettuale ed artista romantico, qualità che si traducono in un'orchestrazione sorprendente e originale e in sonorità possenti e grandiose.

Programma:
Hector Berlioz, (Côte-Saint-André, 1803 – Parigi, 1869)
Grande Symphonie funèbre et triomphale; Marche funèbre; Oraison funèbre
Ralph Vaughan Williams, (Down Ampney, 1872 – Londra, 1958)
Toccata marziale
Percy Aldridge Grainger, (Brighton, Melbourne, 1882 – New York, 1961)
Irish Tune from County Derry
Aaron Copland, (New York, 1900 – New York, 1990)
Fanfare for the common man
Sergej Prokof’ev , (Sontsovka, 1891 – Nikolina Gora, 1953)
Marcia op. 99
Bigliettteria: Uffici G.O.G. Via di Canneto il Lungo 37/11 dal lunedì al venerdì 10-16
Prezzi: PLATEA Euro 25,00, GALLERIA Euro 15,00, GIOVANI Euro 10,00

Prossimo concerto: lunedì 13 novembre, @ Teatro Carlo Felice, ore 21.00, Trio Tchaikovsky

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Amarcord Di Federico Fellini Commedia Italia/Francia, 1974 Tante storie diverse si intrecciano in una Rimini degli anni 30 riproposte da Fellini sfogliando i ricordi di quando era ragazzo. Guarda la scheda del film