Concerti Magazine Venerdì 3 novembre 2006

The Fallen Angel: metal un po' deludente

Molte cose cambiano, molte rimangono le stesse. Questa l’esemplificazione di quello che possono rappresentare i . Blastin’ of Anger rappresenta la voglia di cambiare del gruppo, partito da un suono più debitore nei confronti degli Iron Maiden (il cui fantasma ancora riappare qui e là) e che nel presente CD prova diverse soluzioni sonore, di fatto senza dare uniformità al prodotto.

La prima canzone del lotto, Blastin’ of anger per l’appunto, si rivela una canzone ai limiti del Thrash Metal, debitrice in qualche modo dei Metallica epoca Ride the Lightning. Buona la prestazione dell’intero gruppo, che non travalica mai nel virtuoso, ma che risulta comunque sempre efficace.
Il secondo pezzo, come già annunciato, risulta spiazzante. Si tratta di Forevermore, e pigia con decisione sul freno rispetto alla precedente Blastin’ of anger: siamo infatti di fronte alla ballatona al pianoforte. È la voce a farla da padrona questa volta, che sarà, per tutta la durata del pezzo, in grado di plasmarsi morbida o aggressiva, e dando quindi una buona interpretazione alla canzone.
Ultima delle tre tracce, Su di noi (di PUPO!). Purtroppo, nonostante il tentativo simpatico ed originale, Su di noi si rivela la canzone più sterile del CD. Trattasi di Power Metal, con doppia cassa che fiocca e falsetti in abbondanza.

Ripeto: prova sterile in questo caso, non per la scelta, decisamente ardita, ma perchè il riarrangiamento non risulta così appassionante, lasciandoci a fine canzone con un “nulla di fatto” nella testa. Tirando le somme, Blastin’ of anger è qualcosa di difficilmente catalogabile, data la decisa eterogeneità dei pezzi. Il neo più grave è tuttavia la scarsa originalità del demo. Dal primo all’ultimo pezzo, tutto ha il sapore del già sentito, e la sensazione si acuisce più o meno gravemente durante l’ascolto. I The Fallen Angel sono un gruppo sicuramente degno e, non dubito, appassionato - e si sente - ma per stupire, in un marasma di gruppi Heavy Metal quanti ne esistono, dovrebbero dedicarsi a mio avviso a trovare un modo di arrangiare più incisivo e personale. A buon rendere.

Tracklist:
1. Blastin' of Anger
2. Forevermonre
3. Su di noi (cover Pupo)

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Smetto quando voglio Di Sydney Sibilia Commedia Italia, 2014 Pietro Zinni ha trentasette anni, fa il ricercatore ed è un genio. Ma questo non è sufficiente. Arrivano i tagli all'università e viene licenziato. Cosa può fare per sopravvivere un nerd che nella vita ha sempre e solo studiato?... Guarda la scheda del film