Concerti Magazine Venerdì 3 novembre 2006

Preparatevi allo Zu fest

Nella foto, i 'The Ex'
Come un bambino aspetta il Natale, come un impiegato aspetta la pensione, come un maturando aspetta i risultati degli scritti, manca solo una settimana ma sto aspettando questo Zu fest con ansia e trepidazione. Questo perché è già un evento di per se, il fatto che sia a Genova lo rende ancora più entusiasmante.

Definire la musica degli Hrsta è quasi impossibile. Il gruppo di Moya (componenti di quel gruppo in aria di santità che porta il nome di Godspeed you black emperor) mischia sapientemente diversi generi, ma ancora di più diverse idee originali ed interessanti; viene così a crearsi un connubio molto particolare tra cantautorato folk, il post-rock più sognante e sonorità etniche. Il risultato, vi posso assicurare, è affascinante: sono veramente curioso di sentirlo dal vivo.
Gli Zu sono un gruppo che ha bisogno veramente di poche presentazioni. A parte il fatto che hanno già suonato diverse volte a Genova, sono una delle band italiane più influenti all'estero, nonostante in patria non ricevano i frutti che meritano. Seguire tutte le iniziative in cui sono coinvolti è quasi impossibile, mentre le collaborazioni eccellenti si sprecano. Gli Zu, infatti, hanno inventato un nuovo modo di intendere il jazz, con genialità e stile e con risultati spesso esaltanti. I loro live, poi, sono vere e proprie esplosioni sonore, di quelle che restano ben impresse in mente.

Carla Bazulich è uno di quei personaggi che restano in disparte per anni nel discorso musicale mondiale, raramente prendono la parola, ma quando lo fanno colpiscono sempre. Non sono uno di quelli che ha gridato al miracolo ascoltando il suo recente album, ma non ho problemi ad ammettere che il suo cantautorato nevrotico e appuntito è affascinante nel suo essere unico.
Per finire lunedì 6 novembre ci attendono i The ex, gruppo che sperimenta dai primi anni '90. Le esplosioni sonore del rock più rabbioso, che spesso sfiora il punk, vanno a mischiarsi con suoni etnici. Verranno accompagnati dal cantante cieco etiope Mohammed Jimmy Mohammed. Un concerto, il loro, che potrebbe riservare molte sorprese.

Una serata che si preannuncia affascinante, piena di spunti. Un evento da non perdere non solo perché è vicino a casa, ma anche perché permetterà di sentire le esibizioni di alcune delle realtà più interessanti dell'attuale panorama musicale.
Il concerto si terrà alla Sala Carignano, in viale Villa Glori 8, sotto la chiesa di via Corsica.

Apertura alle 20.30, inizio concerti alle 21 in punto.
Biglietti a 12 Euro, in prevendita a 10 Euro da Disco Club in via San Vincenzo.
Per ulteriori info, link, mp3, radio e altro: www.disorderdrama.org

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film