Concerti Magazine Martedì 31 ottobre 2006

Una notte con i Take That

Nelle foto: i Take That all'Alcatraz di Milano
© Michele Lepera
Altre foto

Magazine - Lunedì 20 novembre andrà in onda su All Music la trasmissione Bi.live, che vedrà protagonisti i Take That. La boy band, che si è sciolta 10 anni fà, oggi ha deciso di riprovarci con il nuovo singolo 'Patience'.
Gary Barlow, Mark Owen, Howard Donald e Jason Orange si sono esibiti all'Alcatraz di Milano e sono stati accolti dai fan del passato, oggi cresciuti, con grande entusiasmo. Noi c'eravamo.


Ho una confessione da farvi. E che nessuno rida. Per raccontarvi questa storia devo tornare con la mente alla mia adolescenza: avevo circa 15 anni quando un nuovo fenomeno musicale colpì l’Inghilterra e gran parte dell’Europa: la nascita delle boy band.
Certo, negli ultimi anni ne sono spuntate a centinaia: dai Backstreet Boys ai Blue, dai Five fino ai Boyz II Man. Ma i hanno conquistato per primi l’Europa. Un inizio col botto che risale agli anni ’90 e che aveva coinvolto anche me, tanto che all’epoca, approfittando di una vacanza estiva a Londra, mi ero spinta fino a Manchester - patria di quelli che erano allora i miei idoli indiscussi - per cercarli uno per uno e confessare loro la mia devozione.
Gary Barlow, Mark Owen, Howard Donald, Jason Orange e Robbie Williams. Quando, nel 1995, Robbie ha lasciato il gruppo, i 4 superstiti non hanno saputo andare avanti da soli, e la band si è sciolta poco tempo dopo.

Gli anni sono passati - più di 10, accipicchia! - e i Take sono letteralmente scomparsi dalla scena musicale. In realtà non mi sono mai posta troppe domande sul loro destino: con il trascorrere del tempo anche gli amori più sinceri possono essere dimenticati, soprattutto se virtuali.
Ma quando ho saputo, alcuni mesi fa, che i Take That avevano deciso di riunirsi, ho sorriso ricordando il passato. Non avrei mai potuto immaginare che quel giorno di 10 anni fa, a Manchester, non sarebbe stato l’ultimo in cui li avrei visti dal vivo. Non sapevo, infatti, che i quattro "ragazzi un po’ cresciuti" che un tempo facevano impazzire le teen-ager sarebbe tornati in Italia per promuovere il loro nuovo album (è già uscito il primo singolo, Patience).

Quando venerdì scorso, 27 ottobre, sono stata portata con una scusa a Milano, non avrei mai immaginato che sul palco dell’ avrei trovato proprio “loro”. Ospiti di Bi.live, la trasmissione di condotta da Gaia Bermani Amaral e Alvin, i Take That si sono esibiti riproponendo i successi del passato e raccontando ai fan accorsi a rivederli cosa è stato della loro vita negli ultimi 10 anni.
Loro sono sempre gli stessi. In più hanno solo qualche ruga e due pargoli a testa. Gary e Mark hanno provato a portare avanti una carriera da solisti, ma con pessimi risultati; Howard è diventato un dj di fama internazionale; Jason - era il mio preferito – è tornato al College e… si è riposato per 10 anni.
Sono stata colta da un’inattesa emozione quando i Take That hanno riproposto le canzoni che hanno segnato la mia adolescenza. Accanto a me non c’erano le amiche del cuore del liceo - una, però, l’ho chiamata al cellulare: si è emozionata pure lei – ma il mio ragazzo e la mia (nuova) amica Eleonora, che hanno organizzato questa splendida carrambata, hanno condiviso con me questo tuffo nel passato.

Di contorno, un centinaio di ragazze della mia età. “Un tempo ci saremmo picchiate per cercare di guadargnarci un posto in prima fila…”, ho detto ad una ex “Thatter” mentre le lasciavo un po’ di spazio per scattare una foto. Anche lei è scoppiata a ridere, dandomi ragione.



Volete vedere i Take That in tv? La trasmissione Bi.live andrà in onda lunedì 20 novembre su All Music.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Fotogallery

Oggi al cinema

Il gabinetto del Dottor Caligari Di Robert Wiene Horror Germania, 1920 Pietra miliare del cinema tedesco, leggendario classico del muto, precoce esempio di thriller psicologico, primo successo internazionale della cinematografia tedesca dopo la Prima guerra mondiale, prototipo del cinema espressionista. Guarda la scheda del film