Il mondo al concorso Paganini - Magazine

Concerti Magazine Teatro Carlo Felice Mercoledì 20 settembre 2006

Il mondo al concorso Paganini

Magazine - Tra i grandi Figli della città di Genova un posto di primissimo piano spetta senza dubbio a Nicolò Paganini (1782–1840), che è stato, molto semplicemente, il più grande violinista di tutti i tempi, quello che tutti conoscono perché “non replica”. Qualcuno diceva che fosse il Diavolo, da tanto sembravano uscire fuoco e fiamme dal violino che imbracciava nei suoi concerti, osannato in giro per l’Europa; ma c’era anche chi, come Schubert, diceva: “ho sentito cantare un angelo”, o chi come Rossini si commuoveva fino alle lacrime (lui, così sornione e allegro). E voi? Non volete scoprire qualcosa di più sul nostro illustre concittadino? C’è proprio qui a Genova un’occasione che capita solo ogni due anni: le prove pubbliche del , al , da venerdì 22 fino alla giornata conclusiva del 1° ottobre. Si tratta di uno dei più importanti concorsi per violinisti del mondo (questa è l’edizione numero 51), e pare che anche quest’anno il livello e il numero dei concorrenti sia molto alto. È bellissimo: ci si incontra e si parla un sacco di lingue, con un sacco di ragazzi e ragazze di tutto il mondo, che arrivano a Genova un po’ spauriti ma tanto speranzosi.

Funziona così: ci sono tre serie di prove, in ognuna delle quali i concorrenti ammessi presentano un programma più o meno liberamente scelto. Nelle prove preliminari (da venerdì 22 a domenica 24) è obbligatorio eseguire un concerto per violino di Mozart e due “Capricci” di Paganini. Nelle prove semifinali, alle quali sono ammessi un massimo di 15/16 concorrenti, ci si deve cimentare con Bach (brani dalle sonate per violino solo), ancora con Paganini (un pezzo virtuosistico a scelta), poi con una sonata ottocentesca (Beethoven, Brahms ed altri) e infine con un brano di musica contemporanea. Il tutto sempre al Carlo Felice martedì 26 e mercoledì 27.
I migliori 6 violinisti accedono alle prove finali, che si svolgono nei pomeriggi di sabato 30 e domenica 1° ottobre, con la partecipazione dell’Orchestra del Teatro: e qui la competizione entra nel vivo, perché tutti e 6 eseguono, nelle due giornate, lo stesso concerto di Paganini e un altro concerto a scelta. Tra il pubblico, sempre molto folto, si formano spesso le tifoserie e quando la Giuria entra in palcoscenico con i risultati teme sempre il giudizio della platea. C’è da imparare per tutti, concorrenti, giurati, spettatori. E da divertirsi perché si ascolta davvero tanta musica in un contesto unico.

Tutti i 6 finalisti vengono premiati con diverse migliaia di euro, ma la vera ragione che rende il Premio Paganini unico al mondo è un’altra: il vincitore assoluto, la sera del 12 ottobre, suona a Palazzo Tursi il “Cannone”, celebre violino che fu di Paganini in persona, e che il sommo violinista lasciò per testamento alla città di Genova. Un violinista può uccidere per questo, lo sapete?

Teatro Carlo Felice, dal 22 settembre al 1° ottobre
51° CONCORSO INTERNAZIONALE DI VIOLINO “PREMIO PAGANINI”

Prove preliminari
Venerdì 22/9 ore 15 e 20.30
Sabato 23/9 ore 9.30, 15 e 20.30
Domenica 24/9 ore 9.30, 15 e 20.30

Prove semifinali
Martedì 26/9 ore 15 e 20.30
Mercoledì 27/9 ore 15

Prove finali
Sabato 30/9 ore 15
Domenica 1/10 ore 15

Ingresso libero alle prove preliminari e semifinali
Biglietti a € 7 per le prove final, giovani € 4

Potrebbe interessarti anche: , F.O.N.O. il Festival organistico del Nord: un ricco calendario di concerti per l'edizione 2019 , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.