Concerti Magazine Mercoledì 20 settembre 2006

Il mondo al concorso Paganini

Tra i grandi Figli della città di Genova un posto di primissimo piano spetta senza dubbio a Nicolò Paganini (1782–1840), che è stato, molto semplicemente, il più grande violinista di tutti i tempi, quello che tutti conoscono perché “non replica”. Qualcuno diceva che fosse il Diavolo, da tanto sembravano uscire fuoco e fiamme dal violino che imbracciava nei suoi concerti, osannato in giro per l’Europa; ma c’era anche chi, come Schubert, diceva: “ho sentito cantare un angelo”, o chi come Rossini si commuoveva fino alle lacrime (lui, così sornione e allegro). E voi? Non volete scoprire qualcosa di più sul nostro illustre concittadino? C’è proprio qui a Genova un’occasione che capita solo ogni due anni: le prove pubbliche del , al , da venerdì 22 fino alla giornata conclusiva del 1° ottobre. Si tratta di uno dei più importanti concorsi per violinisti del mondo (questa è l’edizione numero 51), e pare che anche quest’anno il livello e il numero dei concorrenti sia molto alto. È bellissimo: ci si incontra e si parla un sacco di lingue, con un sacco di ragazzi e ragazze di tutto il mondo, che arrivano a Genova un po’ spauriti ma tanto speranzosi.

Funziona così: ci sono tre serie di prove, in ognuna delle quali i concorrenti ammessi presentano un programma più o meno liberamente scelto. Nelle prove preliminari (da venerdì 22 a domenica 24) è obbligatorio eseguire un concerto per violino di Mozart e due “Capricci” di Paganini. Nelle prove semifinali, alle quali sono ammessi un massimo di 15/16 concorrenti, ci si deve cimentare con Bach (brani dalle sonate per violino solo), ancora con Paganini (un pezzo virtuosistico a scelta), poi con una sonata ottocentesca (Beethoven, Brahms ed altri) e infine con un brano di musica contemporanea. Il tutto sempre al Carlo Felice martedì 26 e mercoledì 27.
I migliori 6 violinisti accedono alle prove finali, che si svolgono nei pomeriggi di sabato 30 e domenica 1° ottobre, con la partecipazione dell’Orchestra del Teatro: e qui la competizione entra nel vivo, perché tutti e 6 eseguono, nelle due giornate, lo stesso concerto di Paganini e un altro concerto a scelta. Tra il pubblico, sempre molto folto, si formano spesso le tifoserie e quando la Giuria entra in palcoscenico con i risultati teme sempre il giudizio della platea. C’è da imparare per tutti, concorrenti, giurati, spettatori. E da divertirsi perché si ascolta davvero tanta musica in un contesto unico.

Tutti i 6 finalisti vengono premiati con diverse migliaia di euro, ma la vera ragione che rende il Premio Paganini unico al mondo è un’altra: il vincitore assoluto, la sera del 12 ottobre, suona a Palazzo Tursi il “Cannone”, celebre violino che fu di Paganini in persona, e che il sommo violinista lasciò per testamento alla città di Genova. Un violinista può uccidere per questo, lo sapete?

Teatro Carlo Felice, dal 22 settembre al 1° ottobre
51° CONCORSO INTERNAZIONALE DI VIOLINO “PREMIO PAGANINI”

Prove preliminari
Venerdì 22/9 ore 15 e 20.30
Sabato 23/9 ore 9.30, 15 e 20.30
Domenica 24/9 ore 9.30, 15 e 20.30

Prove semifinali
Martedì 26/9 ore 15 e 20.30
Mercoledì 27/9 ore 15

Prove finali
Sabato 30/9 ore 15
Domenica 1/10 ore 15

Ingresso libero alle prove preliminari e semifinali
Biglietti a € 7 per le prove final, giovani € 4

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Crazy & Rich Di Jon M. Chu Commedia, Romantico U.S.A., 2018 La newyorkese Rachel Chu accompagna il suo fidanzato di lunga data Nick Young al matrimonio del suo migliore amico a Singapore. Emozionata perché visiterà l’Asia per la prima volta, ma nervosa perché conoscerà la famiglia... Guarda la scheda del film