Magazine Giovedì 14 settembre 2006

Segnali di Fumetto

Nelle Immagini I personaggi di Dragon Ball e Jeeg Robot d'acciaio

Magazine - Non mi considero un esperto di fumetti giapponesi. Ne so abbastanza da poter dire che quando si parla dei baloon del Sol Levante si parla di Manga e so anche che esistono decine di categorie per definire i vari tipi di storie ma, gentili amiche e cari amici, preferisco non addentrarmi in una serie di nomi e definizioni che non avrebbero altro risultato che, se sbagliati, fare infuriare la Lobby degli amanti del fumetto orientale.

Oggi l’offerta di fumetti giapponesi è vastissima. Basta entrare in una libreria specializzata per vedere quante siano le storie, da leggere rigorosamente all’orientale – ossia da destra a sinistra e partendo dall’ultima pagina – provenienti dal paese di sushi e samurai, e non solo. Oltre ai fumetti nipponici esistono anche produzioni interessanti provenienti dalla Corea, dalla Cina o persino dall’India. La scelta è vastissima.
Si passa infatti dalle storie noir a quelle rosa, dalla fantascienza all’horror fino a fumetti goliardici in cui l’eros è trattato ora in modo adolescenziale, ora in modo più adulto senza cadere nel volgare, essendo molto vicino, nelle intenzioni più che nel tratto, all’arte di Manara o Crepax.

Per quelli della mia generazione i fumetti giapponesi, prima che alla carta, sono legati alla televisione tanto che molto spesso si ricorre all’Amarcord delle .

«Vi ricordate la prima sigla di Lupin III – Planet O – un capolavoro!»
«Ma è vero che Piero Pelù cantava Jeeg Robot d’acciaio?»
«Ma quanto era bella la prima sigla di Lady Oscar?»


Le storie orientali sono spesso un vero e proprio punto di incontro tra generazioni. I ragazzi degli anni ’70 avevano in Goldrake il contatto con i ragazzi del 1982. I fumettofili che anni fa cominciarono a leggere le storie di Goku in Dragon Ball oggi vedono come la Gokumania appassioni i più piccoli.
Gli aneddoti si sprecano quando ci si ricorda poi dei cartoni di una volta. Prendete Holly e Benji: chi, dopo averlo visto, non ha provato a realizzare la catapulta infernale oppure a fare gol in rovesciata da centrocampo - in un campo lungo chilometri - saltando più in alto di Sotomayor?
All’epoca lo sport era diverso ed era normale che, alla vigilia dei mondiali o delle Olimpiadi, si temessero i campioni nipponici. «Pensa – si diceva alla mensa scolastica, corrispettivo del bar dello sport per gli under 12 – il Giappone ha Holly, Benji, Mark Lenders e Giulian Ross nel calcio, Mimì e Mila nella pallavolo e Rocky joe nella boxe... non c’è storia, sono troppo forti!»

I cartoni erano anche occasione di gioco, e il fatto che non ci fossero personaggi campioni di backgamon o scacchi ha fatto sì che molti dei trentenni di oggi portino i segni di quei giochi fatti di salti mortali, piroette e voli spaziali. Io, ad esempio, giocando a Jeeg Robot d’acciaio ho preso una facciata in terra con conseguente spargimento di sangue, lacrime e cicatrice…
Nessuno mi aveva lanciato i componenti!

Consigli per gli acquisti:
La produzione nipponica è varia ed eventuale. Albi a fumetti, videocassette e DVD sono numerosissimi, per tutti i giusti e le tasche. Come appassionato di passaggio consiglio di entrare in una libreria specializzata come in negozio di scarpe. Girando, sfogliando e provando troverete senz'altro quello che fa per voi.
Buona lettura!

di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Harry Potter e i doni della morte Parte I Di David Yates Avventura, Fantastico U.S.A., Regno Unito, 2010 Inizia un nuovo anno scolastico ad Hogwarts, per Harry Ron ed Hermione, ma, nonostante l'ultimo si fosse chiuso in malo modo, questo potrebbe andare addirittura peggio. I tre, che sono diventati dei ricercati, specialmente Harry sul quale grava una ricompensa... Guarda la scheda del film