Cultura Magazine Giovedì 7 settembre 2006

Tartarughe d'Australia all'Acquario

Magazine - Genova. È arrivato all’Acquario di Genova un esemplare di Carettochelys insculpta, una tartaruga di acqua dolce australiana endemica dei bacini idrografici della Nuova Guinea, del Golfo di Papua e del Nord Australia.

L’animale, un maschio adulto di oltre 9 kg, è stato ritrovato lo scorso 23 agosto nel fiume Po in provincia di Ferrara, ospitato temporaneamente dal Centro di Recupero della Fauna Selvatica “Giardino delle Capinere” della città dell’Emilia Romagna e trasportato questa mattina all’Acquario di Genova a cura del servizio Protezione Flora e Fauna della Provincia di Ferrara.
La Carettochelys insculpta vive in acque salmastre, presso la foce dei fiumi, abitualmente rimane immersa in acqua infossata nel fango sul fondo, cibandosi di alghe e frutta. Presenta un naso prolungato in una sorta di piccola proboscide, le pinne anteriori dotate di due unghie e gli arti posteriori molto appiattiti; il suo carapace è ricoperto da uno strato di pelle robusta, simile al cuoio, che le consente di avere una maggiore sensibilità per muoversi agilmente in acque torbide e fangose. La specie è considerata vulnerabile a causa del depauperamento del suo habitat naturale e della pesca.

“È l’ennesimo caso di abbandono di specie esotiche in un ambiente ad esse assolutamente estraneo e inadatto – afferma Claudia Gili, Curatore Generale e Responsabile Veterinario dell’Acquario di Genova - con il rischio di provocare la morte dell’animale o causare alterazioni all’ecosistema in cui è stato abbandonato. L’informazione e la sensibilizzazione del pubblico è un elemento importantissimo per cercare di combattere queste azioni sconsiderate".
"Avere cura di un animale – continua Claudia Gili - non è un gioco o un semplice passatempo e richiede tanto impegno: chi ne acquista uno, dovrebbe informarsi preventivamente sulle sue caratteristiche ed esigenze e avere la consapevolezza e la disponibilità a far fronte a tutte le sue necessità per l’intera durata della sua vita... a costo di non prenderlo".

L’Acquario di Genova collabora da sempre con l’ufficio CITES del Corpo Forestale dello Stato. La C.I.T.E.S. è la convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione, la cui applicazione è affidata al Corpo Forestale dello Stato. Ogni volta che una tartaruga viene soccorsa, la cosa migliore da fare è informarne subito le autorità competenti (Corpo Forestale dello Stato, Capitaneria di Porto) che stabiliranno a quale istituto affidarla per le eventuali cure, in questo caso l’Acquario di Genova.
Sensibile alla conservazione di tartarughe e testuggini, la struttura genovese è da anni impegnata in diversi progetti: · lo studio e la conservazione di una specie di tartaruga palustre (Emys orbicularis ingauna) originaria dell’area albenganese;
· l’ospedalizzazione di Caretta caretta o altre tartarughe marine in difficoltà in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato e nell’ambito di un più ampio progetto del Centro Studi cetacei;
· la gestione ed il mantenimento di Chelonia mydas importate illegalmente, confiscate e affidate all’Acquario; si tratta di Ari e Cuba, ospiti oggi della vasca della scogliera corallina caraibica e della Laguna del Madagascar; · un progetto di riproduzione in ambiente controllato della specie malgascia Pyxis arachnoides, recentemente entrata nell’appendice I della CITES e ospitata in alcuni esemplari nel terrario del Madagascar;
· la partecipazione alla campagna internazionale Shellshock, promossa dall’Associazione Europea Zoo e Acquari.

Potrebbe interessarti anche: , Guadagnare online con i sondaggi retribuiti è possibile: ecco come fare , Come fare trading per investire e guadagnare online? I consigli di Ig Markets , SuperMario 24, il pronto intervento in Lombardia per problemi idraulici , Il cibo spaziale, un’eccellenza tutta Made in Italy , Nicla Vassallo racconta il National Geographic Festival delle Scienze

Oggi al cinema

Chesil Beach Il segreto di una notte Di Dominic Cooke Drammatico 2017 In Inghilterra, secondo Philip Larkin, "i rapporti sessuali incominciarono nel millenovecentosessantatre", "tra la fine del bando a "Lady Chatterley" e il primo ellepi dei Beatles". La giovane coppia protagonista del film (tratto dal romanzo di lan McEwan)... Guarda la scheda del film