Concerti Magazine Martedì 25 luglio 2006

Un Silvestri dimezzato

Genova. C’era una strana aria ieri sera all’Arena del Mare. Tanto caldo, pochi e sporadici refoli di vento. Una buona cornice di pubblico conferma l'attenzione per i concerti Last Minute del .
La serata inizia alle 21.40 con una vecchia e cara conoscenza: , genovese di Pegli, amico storico di mentelocale, , , sale sul palco armato di chitarra per mostrare il suo lato di cantautore malinconio ma non troppo.
Ascolto le canzoni per la prima volta e scopro che, dentro di lui, assieme all’esilarante Giginho convive un buon paroliere. Mi colpisce la canzone del viaggiatore, un ottimo incontro di immagini e ritmo, decisamente la più accattivante del suo repertorio.

Dopo la performance di Fabrizio Genova passa la linea a Roma e risponde.

Daniele ha nella sua faretra 5 dischi, un greatest e un live che raccontano di una lunga carriera. Canta quasi ininterrottamente per due ore, passando dal Flamenco della doccia a Marzo 3039, dai pezzi giocosi a quelli più impegnati non dimenticando che la Genova di fine luglio è una città che non dimentica. Per questo motivo, puntuale, arriva Il mio Nemico a scavare nei ricordi per riportare a galla tutta l’amarezza e la rabbia per quello che è stato il G8. Troppe domande, troppo poche risposte.

La serata scorre tra i molti volti che il cantante romano ha mostrato in questi anni; così, tra un refolo e l’altro, c’è il tempo per ascoltare le Strade di Francia con uno spirito tutto nuovo, quello dei .

Daniele conferma le sue doti di suonatore e di cantante ma, contrariamente ad altre apparizioni live, saluta Genova lasciandosi dietro l’impressione di aver troncato un discorso a metà.

La tappa genovese di quello che è un premaTour, doveva essere l’occasione per testare il gruppo e le nuove canzoni, ma così non è stato. Troppo meccanico il passaggio tra una canzone e l’altra e nemmeno un accenno al disco prossimo.

Rimane così l’idea di un concerto in fieri, di una promessa per quella che sarà la prossima data Silvestriana a Genova; l’occasione di chiudere un discorso lasciato a metà.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Shark Il primo squalo Di Jon Turteltaub Azione U.S.A., 2018 Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che si riteneva estinta e che ora giace sul fondo della fossa più profonda del Pacifico...... Guarda la scheda del film