Concerti Magazine Giovedì 13 luglio 2006

Suonare insieme al Gezmataz

Ammettiamolo: in questo periodo estivo la Liguria è ricca di festival dedicati alla musica jazz. Il Gezmataz, però, è tutta un’altra cosa.
È diverso perché si apre alla contaminazione: il suo jazz a 360 gradi coinvolge sì i grandi nomi, ma porta anche alla ribalta i giovani musicisti genovesi, che hanno la possibilità di esibirsi su un palco come quello dell’Arena del Mare, al Porto Antico di Genova.
La terza edizione del festival avrà inizio venerdì 14 luglio e verterà sul tema del’improvvisazione jazzistica. Per il secondo anno, poi, la manifestazione è organizzata dall’Associazione Culturale Gezmataz, diretta da Marco Tindiglia. Proprio il musicizia genovese sarà tra i protagonisti delle serate al Porto Antico. Potrete acquistare un abbonamento a tutti i concerti, che vi costerà 20 Euro.

Le novità di quest’anno sono legate soprattutto ai compagni di viaggio di Gezmataz: dalla al , che metterà a disposizione del Festival i propri spazi museali. Proprio a Porta Siberia, infatti, avrà luogo – dal 14 al 19 luglio - il Workshop di Improvvisazione Jazz. Gli studenti di Gezmataz godranno degli insegnamenti di Matt Renzi (sax tenore), del giapponese Masa Kamaguchi (contrabbasso), di Jimmy Weinstein (batteria) e dello stesso Tindiglia (chitarra).
Il museo, che espone permanentemente le opere di , è concepito come un laboratorio di sperimentazione continua e per questo durante lo svolgimento del workshop rimarrà aperto, permettendo così ai visitatori di partecipare ai lavori. Inoltre domenica 16 e lunedì 17, dalle 18 fino alle 20, il concerto degli allievi e una degustazione di vino saranno compresi nel biglietto d'ingresso.
Oltre al Museo Luzzati, anche i moli del Porto Antico saranno attrezzati per ricevere gli allievi. «L’importante è suonare insieme», ha sottolineato Giuliana Cangemi, una delle organizzatrici della manifestazione, nel corso della conferenza stampa di giovedì 13 luglio presso Informagiovani nell'atrio di Palazzo Ducale, dove all'ora di pranzo i jazzisti presenti hanno fatto una breve esibizione.

Un’altra bella novità è legata ad un gemellaggio: quello con la New York University. Gli allievi si trovano in questi giorni a Genova per partecipare ad un seminario, e Gezmataz sarà per loro una vetrina importante e, perchè no, l’occasione per conoscere le realtà musicali genovesi.
I ragazzi newyorkesi parteciperanno al workshop insieme agli allievi italiani, e insieme si esibiranno giovedì 20 luglio alle 21, presso l’Arena del Mare.
Ecco gli altri artisti chiamati a raccolta da Gezmataz: il 23 luglio alle 21 toccherà ai Calamito: «si tratta di una formazione genovese che ama l’improvvisazione», ha spiegato ancora Cangemi. Ancora il 23, ma alle ore 22.30, sarà la volta degli Snackmates, e il 25 luglio alle 22.30 salirà sul palco Petrella, «musicista che si sta affermando sulla scena italiana».
Ma il vero fiore all’occhiello della manifestazione è rappresentato da Bill Frisell, chitarrista di Baltimora ed esponente del jazz contemporaneo più aperto alle innovazioni.



Ecco gli orari del museo Luzzati da venerdì 14 a mercoledì 19 luglio 2006:

venerdì 14: 10-13 e 14-19
sabato 15: 10-18.30
domenica 16: 10-13 e 14-20
lunedì 17: 10-13 e 15-20
martedì 18: 10-13 e 14-19
mercoledì 19: 10-13 e 14-19

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

L'apparizione Di Xavier Giannoli Drammatico Francia, 2018 Vincent Lindon è Jacques, un famoso reporter di guerra che viene inaspettatamente reclutato dal Vaticano per indagare su un’apparizione avvenuta in un villaggio della Francia. Anna, orfana e novizia, afferma di aver visto la Vergine Maria. Lo straordinario... Guarda la scheda del film