Magazine Mercoledì 12 luglio 2006

Cronache mondane da Hanbury

Magazine - Il è il più antico e blasonato d’Italia. , coi suoi giardini, uno dei più posti più incantevoli di questo estremo lembo del Ponente ligure, come sostiene Giuseppe Conte. Qui, nel fine settimana lungo di lavoro e , è stato per voi e sopra tutti per il mio eterno implicit reader, Antonio Silva, con cui dividiamo fra l’altro il culto pagano di . Ai Giardini Hanbury si è assegnato .

Master of ceremonies, come ogni anno, il fondatore e presidente Giuliano Soria, appena creato commendatore dal presidente . Come ogni anno, la giuria ha premiato libri non soltanto dotti, ma anche di bellezza inestinguibile, come Il giardino islamico, curato per da Luigi Zangheri, Brunella Lorenzi e Nausicaa Mandana Rahmati o il (che titolo fascinoso) delle due Elene (Accati e Costa), uscito a Torino con Allemandi.
In compagnia dei giurati, ma anche della caparedattrice Laura Guglielmi, bella più che mai, che (che tra l’altro mai le ho chiesto), di in forma taglientissima (suo apoftegma memorando, fra gli innumerevoli: fidanzate, ce n’è sempre una di troppo), dell’artista eclettico e di con signora, quest’anno ha cenato il vostro cronista cultural-mondano prediletto (cioè io), il cui apprezzamento, nel sontuoso menu curato dallo chef Roberto Ballo del Giunchetto di Bordighera è andato ai e per una squisita con salsa di barolo chinato.

Le mie opinioni ha condiviso fonte ben più autorevole della mia, cioè quella di , di cui in mattinata si era presentato (avevo presentato, ehm, con l’ausilio dell’imprescindibile libraio e attor giovine il romanzone di . A giusta ragione, cari amici e , vi starete domandando: e che c’entra il Casinò? C’entra perché costaggiù vi si è presentato il consorzio , che riunisce operatori turistici della Riviera dei Fiori e di Alba. Lo presiede Simona Pastor, titolare a dell’hotel de charme Colomba d’oro. Il consorzio è assai promettente, nella misura in cui promette sorrisi agli ospiti, efficacia ed efficienza nei servizi e, visto che si parla di etc. e della cantata da Orengo nello squisito .

Le promesse sono mantenute, intanto, da un raffinato buffet, di quelli che al cronista mondan-culturale ricordano quelli a suo tempo cantati dai cronisti della rivista Sanremo, pubblicata dal Casinò anteguerra con collaboratori del calibro di, , e fra gli altri. Si sono mangiati ottimi , si è bevuto buon e si è tornati a casa con un delicato bouquet di rose e gisofila offerte da Sara di .
E che, forse i cronisti di frontiera non hanno un’anima e un cuore verde?

di Giovanni Choukhadarian

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

La vita in un attimo Di Dan Fogelman Drammatico 2018 Will, quarantenne newyorchese abbandonato dalla moglie, ricostruisce la sua storia in una seduta di psicanalisi: l'amore per Abby, gli anni del college, l'intimità matrimoniale, un pranzo con i genitori di lui e poi, inatteso, il giorno della separazione.... Guarda la scheda del film