Concerti Magazine Venerdì 7 luglio 2006

Les Trois Tetons: musica d'annata

Magazine - Leggi le altre notizie dal mondo della musica su e

Difficile dire di loro. Non voglio certo passare per le solite manfrine “bravi, esperti ecc ecc”. Giunti ad un certo numero di recensioni queste cose vengono decisamente a noia a chi scrive, figuriamoci al gruppo (in giro da che io avevo 7 anni).
Della musica questa volta voglio parlare ma, diamine, a modo mio: sorseggerò con rude gaiezza la mia birra e mi farò scarrozzare dalle note del dischetto, invero decisamente orientato più su atmosfere dilatate e, per così dire, da viaggio.

Les Trois Tetons (nome coraggioso in quel di Genova, mi permettano di farlo notare) suonano rock, ma di quello che non sai mai se dirlo rock o chissà cosa, sempre sul filo del rasoio tra il sud degli Stati Uniti, Tom Waits e le tendenze europee del pianoforte. Di sicuro ai sei musicisti piace variare, questo è chiaro: lasciate a casa le briglie del genere prescelto, spaziano di continuo tra atmosfere solari ed atmosfere tormentate, da note che sanno di nicotina e caffè (Sweet Dancer, In my House) ad altre che respirano di spazi aperti (Lullaby, As i Walked Out).
Fa capolino il blues qui e là, talvolta smaccatamente, talvolta (raramente) in maniera più sottesa, mai tuttavia sarà la sua intrusione quella dell’ospite inatteso, anche nelle composizioni meno tracciate di stelle e strisce.
Ha spazio il boogie, l’amore per il suono anni ‘60, ricco di Hammond, ma anche amore per il suono ‘70, per Tom Waits, privato della farragginosità che ultimamente lo contraddistingue, e per i Rolling Stones.

Il gruppo non fa segreto delle influenze più o meno evidenti che contaminano il suono Trois Tetons, non volendo la proposta essere di carattere innovativo. Se mi si permette una presunzione, lo scopo è, in questo caso omaggiare la musica che il musicista ama. In questo la band esce vincitrice, proponendo un suono che non racconta nessuna storia mai sentita, ma la cosa non interessa a nessuno: ascoltatori, come musicisti, compresi. Promossissimi, senza dubbio.

Alexander Giorgino

Tracklist
01. River Boat Gipsy
02. As I Walked Out
03. Lullaby
04. Sweet Dancer
05. Snaketrain
06. In My House
07. Stocking Feet Boogie
08. Stones In My Passway
09. Change
10. Xmas Morning Blues
11. Some Friends
12. Highway to Glory

Per info
www.3tetons.it

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film