Concerti Magazine Venerdì 7 luglio 2006

Goa Boa: piove, senti come piove

Nella foto: Carmen Consoli al Goa Boa 2006

Magazine - Genova. A un certo punto si è temuto il peggio: che chiudessero baracca e burattini, via tutti, a casa, piove troppo. Il Carlo Felice a Matteotti e il Festival del Mediterraneo hanno ceduto all'acqua giovedì 6 luglio. Il , invece, ha resistito. Nella giornata del debutto, in questo posto da Blade Runner che è l'ex acciaieria Ilva di , ha portato a casa la serata con meno spettatori del previsto, ma almeno è arrivato in fondo. Ha chiuso Carmen Consoli, brava come sempre, e nel corso della giornata abbiamo sentito molto belle cose: gli si confermano gruppo sulla via della maturità; gli Amari cantano nel pieno del diluvio; i We are scientist suonano proprio bene; Sebastien Marcel, cantautore roco ed eclettico, mischia gli stili e cita Piers Faccini come fonte di ispirazione; Lou Rodhes, sentimentale, intima ed energica; infine, Carmen, che qui come in tante altre città ha ormai un seguito di fan irriducibili.

Due parole sulla location: un altroquando. Il palco è incastrato tra i gasometri e vecchi edifici industriali semi smembrati. Si è tornati all'atmosfera industriale di Campi e della pressa. Ci sono vari stand, mentre la sezione bar cambia rotta: non più salsicce e crauti ma panini al salame e pesci fritti.

Il cielo è plumbeo dal primo pomeriggio. Quando i friulani Amari attaccano viene giù il mondo. Loro continuano a suonare mentre la gente scappa sotto gli stand, convertiti in centri di accoglienza per profughi. Il gazebo dove , e espongono libri e riviste rischia di affondare. «Resistiamo per diffodere le idee», dice Marco Porsia di Chinaski, ma la sua faccia è eloquente.
È diluvio. Tra una canzone e l'altra il cantante degli Amari sfoggia un «rock and rooooll!!!» da antologia. La loro performance non passa inosservata: funkeggianti, con abbondanza di strumenti elettronici. Non male.

Con i newyorkesi We are scientists si torna ad un rock più tradizionale. Grande ritmo, buona voce, stilosi, un po' dandy, grinta da vendere. I loro prossimi concerti inglesi, a ottobre, sono già sold out.
Sebastien Marcel cerca di coinvolgere il pubblico, oltre che con le sue ballate, anche con le battute: «ogni tanto dovreste guardarvi le spalle, ci sono dei fulmini bellissimi», dice. Risultato: decine di sguardi terrorizzati e qualche bestemmia. Poi dedica una canzone a Totò Miggiano: «non dev'essere facile organizzare un festival in un posto così».

È la volta di Lou Rhodes, voce calda dei Lamb che ha intrapreso un progetto solista. Abbigliamento country, strumentazioni acustiche, con tanto di violino e contrabbasso: «non faremo molto casino stasera, anzi, se potete stare un po' più in silezio, potete?», inizia così.

La Carmen nazionale, tutta Sicilia e capello lungo, fa riscaldare un po' gli animi. Il pubblico sembra aumentare (per ciò che è possibile: ormai è mezzanotte), le stime dicono è presente all'appello un migliaio di persone, comunque troppo poche.

Da segnalare anche l'esordio degli Hiroshima e degli Hermitage, provenienti dal concorso Goa Boa School Select.
Venerdì 7 spazio a George Clinton, con i suoi 35 orchestrali, ai rappers Mondomarcio e Fabri Fibra.

Potrebbe interessarti anche: , Mahmood vince Sanremo 2019 con il brano Soldi. Secondo posto per Ultimo, segue Il volo , Sanremo 2019. Testi e pagelle delle canzoni in gara , Sanremo 2019: Zen Circus con L'amore è una dittatura. Testo e pagella , Sanremo 2019: Ultimo con I tuoi particolari. Testo e pagella , Sanremo 2019: Simone Cristicchi con Abbi cura di me. Testo e pagella

Oggi al cinema

I quattrocento colpi Francia, 1959 Piccolo parigino, trascurato dai genitori, scappa di casa due volte, ruba, è chiuso in un riformatorio da dove fugge per arrivare al mare che non aveva mai visto. Straordinario 1 lungometraggio di F. Truffaut che, premiato per la regia a Cannes,... Guarda la scheda del film