Magazine Martedì 4 luglio 2006

La posta del cuore

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine -

Cara Grazia,
spero che "un aiuto per dimenticare" ti leggerà e trarrà un po' di conforto dalle tue parole. Ti ringrazio per avere scritto, condividere le esperienze è tanto importante e forse ti senti un pochino meno peggio anche tu.
Tuttavia non riesco a fare a meno di fare il mio lavoro e dare anche a te il suggerimento che ho dato alla tua compagna di sventure: guardati bene dentro, cerca di capire quanto spazio occupa nella tua rabbia l'orgoglio ferito, scaccialo e vedrai che le cose funzioneranno meglio.

Prima di copiare la lettera di Grazia vorrei dire a "non posso impegnarmi", che io invece - e l'ho già scritto molte volte - non posso più rispondere privatamente. Quindi, se vuole un consiglio, mi riscriva, cambierò magari elementi che potrebbero renderla riconoscibile, se è questa la sua preoccupazione. Senza contare che, riririripeto, le mail della posta del cuore mi arrivano da mentelocale, non dall'indirizzo di chi scrive quindi, anche volendo, non potrei mettermi in contatto.
Auguri a tutte tre, come sempre,
Antonella

La tua situazione è simile alla mia, ma con una differenza: non ho 45 anni, bensì 56! La capacità di reazione è più lenta, le forze sembrano veramente insufficienti per contrastare un carico di dolore come quello di sentirsi abbandonate. Anch'io ho una persona che mi sta vicino e che mi aiuta a non sentirmi una nullità. Tuttavia, pur volendogli bene, non ne sono innamorata e continuo a pensare al mio ex compagno. Mi sento come in fondo ad un pozzo: tutto il mondo sopra me vive, si diverte, ama... io lì sotto, estranea a tutto, coi miei ricordi e la rabbia di saperlo felice con un'altra.
Credevo di averlo perdonato e mi illudevo di essere un'anima illuminata visto che mi impegno nella continua ricerca spirituale, ma è bastato che uno mi dicesse di averlo visto con lei, ed il tormento è ricominciato, tanto che lo penso in continuazione e sto male.
Visto che vivi una bella storia adesso, in cui riconosci esserci tutti gli elementi per essere LA TUA NUOVA STORIA, non rovinarla con inutili rancori. Gioisci di questa nuova opportunità che ti viene regalata e chiudi la porta di accesso ai ricordi che ti avvelenano. Forza! Un saluto con simpatia.
Grazia

Leggi la su mentelocale.it

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Brutti sporchi e cattivi In una misera baracca, costruita con altre sulla collina che fiancheggia San Pietro, vive con la sua numerosissima famiglia (la moglie, una decina di figli e un mucchio di parenti) il vecchio Giacinto Mazzatella, un pugliese orbo e ubriacone la cui principale... Guarda la scheda del film