Concerti Magazine Sabato 24 febbraio 2001

Steel Drama: solo donne e rock'n'roll

La band Steel Drama

Magazine - Manuela Cretella suona la chitarra nelle Steel Drama, la nostra più importante formazione di rock tutta al femminile.
Suonano dall'89, hanno pubblicato un cd "Covers" prodotto da Gianni Martini (il chitarrista di Giorgio Gaber, nonché docente a Musicline) e sino ad oggi hanno totalizzato circa 600 concerti in Italia e fuori.
Una domanda che faccio a tutti: il momento migliore della vostra carriera?
Il momento più gratificante, magari sembrerà banale, è stato suonare alla festa dell'Unità, qualche anno fa. C'era gente con gli striscioni, gente che cantava le nostre canzoni, le sapevano a memoria! Emozionante davvero…
E quello più imbarazzante?
(ride) Il più imbarazzante è stato un concerto a Milano, in un locale. A metà esibizione abbiamo capito che era un club di lesbiche. Non ci era mai successo…
Interessantissimo! Ti prego, continua!
Eccolo! Il solito maschio con il feticcio delle lesbiche…
Ma figurati! No! Cioè … dovere di cronaca…
C'è poco da continuare…siamo tutte etero. (Anche se spesso, solo perché suoniamo e facciamo rock, ci credono chissà cosa) ed era imbarazzante sul serio avere delle ragazze che ci tacchinavano, attaccavano discorso… ti mettevano la mano sulla gamba, finita la serata, siamo scappate piuttosto rapidamente.
Vigliacche... ultimamente suonate molto di più fuori Genova. Come ci si trova? Ci sono differenze? Pagano di più?
Ci si trova bene, e a volte pagano di più. Ma non per tirchieria dei genovesi, devo dire. E' che i locali da noi hanno spazi ristretti. Più un locale è grande più gente può accogliere, e anche la disponibilità del cachet sale.
Fate cover o pezzi vostri?
Entrambe le cose. Pezzi nostri ne abbiamo una infinità, scritti negli anni. Ma le cover sono inevitabili se vuoi suonare molto dal vivo. E noi viviamo di quello, siamo tutte professioniste.
Complimenti. E ci si vive?
Lavorando molto, sì. Non è esattamente facile.
Gruppi di riferimento?
Tutto il rock degli anni '70. Anche il pop. E il jazz. Alcuni pezzi che facciamo sono molto vicini al jazz, alla faccia dei puristi. Ma le influenze sono mille, ognuna ha le sue, ed è un bene, ci permette di variare un sacco.
Il tuo chitarrista preferito?
Jim Hall
Un gruppo nuovo di Genova che ti piace?
I Pornoshock, sono molto bravi.
Aha! Ho appena scritto la stessa cosa! (vedi Leggi l'articolo )
Un gruppo italiano?
Bluvertigo.
Conosco Morgan (il loro leader), sono riuscita a portarlo qui a Genova per il festival della poesia. Era gratis, e mi aspettavo venisse più gente.
Ecco, a questo proposito abbiamo una polemica in atto: la gente dice che la scena musicale di Genova è "sepolta". Ma è vero? (vedi Leggi l'articolo )
No. Le cose ci sono, la gente tendenzialmente non ci va e poi si lamenta.
La formazione completa delle Steel Drama?
Oltre a me ci sono: Paola Zamponi alla chitarra, Michela Gatti al basso, Marina Esposito alla Voce, Silvana Origgi alla batteria.

home page del gruppo:
www.bonfim.it/steeldrama.html

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La dolce vita Di Federico Fellini Drammatico Italia/Francia, 1960 Roma anni '60. Massimo giornalista di un rotocalco scandalistico, si trova in mezzo ai vizi e scandali di quella che era definita "la dolce vita" dei divi del momento. Guarda la scheda del film