Magazine Giovedì 1 giugno 2006

Segnali di Fumetto

Magazine - La vita è fatta di attese. Si aspetta l’autobus, si aspetta che arrivi il week end e che la focaccia sia pronta. Si aspetta lo stipendio e, alcuni, aspettano che il giovedì venga pubblicato il loro .

Tante sono le scadenze anche per un fumettofilo. Alcune sono dettate dal ritmo mensile delle uscite mentre altre sono vincolate a passione e pazienza perché non è detto che una storia a fumetti si concluda in tempi brevi.

Due anni fa, in occasione di un conobbi il lavoro di una casa editrice – la – che pubblica, tra le altre cose, fumetti d’autore in formato francese, ossia in formato A4 e con la copertina rigida. Avete presente la classica edizione di Asterix? Stessa cosa.

In quel lontano sabato di novembre, Andrea Mutti, il disegnatore che all’epoca conoscevo solo grazie all’ottimo lavoro svolto alla e alla , mi consigliò caldamente di leggere una storia in due puntate, sceneggiata da Philippe Saimbert e da lui disegnata, intitolata Break Point.

Il fumetto – in cui domina l’effetto acquerello, frutto del lavoro di Angelo Bussacchini - racconta di un furto impossibile ai danni una cassaforte inespugnabile, detta la Matrioska.
A tentare il colpo ci pensa una banda di disperati guidata da un cattivo simile al Kaiser Souzer dei Soliti Sospetti.
Inutile dire che la storia, di chiara matrice pulp con i cattivi al posto degli eroi, mi piace. Acquistato il primo volume lo divoro senza troppi complimenti preparandomi, paziente ma non troppo, all’epilogo che dopo una gestazione di due anni, è appena arrivato in libreria.

Il risultato finale è un fumetto scritto come un romanzo di Ellroy e strutturato come un film di Tarantino.

Al di là dell’attesa (unica vera pecca se si considera che il prodotto finito era pronto già nel 2005), Break Point è una storia capace di annullare il lungo periodo in cui si è rimasti appesi senza sapere come sarebbe finito.
Morale della favola:
La vita è fatta di attese. Ma spesso ne vale la pena!

Consigli per gli Acquisti:
Break Point, costa 14.5 Euro. Una raccomandazione: non fatevi scoraggiare dalla quantità di euro perché anche se sono molti paragonati ai prezzi da edicola, considerati il formato, la carta, la copertina e soprattutto il contenuto non sono assolutamente troppi.

Acquistandolo adesso poi, non avrete neppure da affrontare le lunghe attese tra un volume e l'altro, che spesso subiscono le storie francophone importate da BD.

Buona lettura!

di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film