Magazine Mercoledì 17 maggio 2006

Segnali di Fumetto

Nelle immagini: Demien
© www.sergiobonellieditore.it
Capelli lunghissimi e biondissimi, occhi viola, camicia aperta sul petto scolpito, su cui spicca una misteriosa cicatrice a forma di spada.
– il nuovo eroe partorito dalla penna di Pasquale Ruju - è un vero e proprio sex simbol, un incrocio tra Legolas e Brad Pitt, angelo e demone.

A poco più di un anno dalla pubblicazione di , in , si replica con una nuova saga a scadenza.
Quella della miniserie, dopo la chiusura di testate storiche come Mister No e Legs Weaver, è secondo la Sergio Bonelli Editore la ricetta migliore per uscire da un periodo di crisi del settore, periodo che sembra non avere fine e che ha costretto la casa editrice Milanese a profonde rivoluzioni in alcune nelle sue testate.

Il fumetto chiuso, oltre a garantire una bassa occupazione dello spazio casalingo, dà agli sceneggiatori l’opportunità di sviluppare una storia che, libera dal vincolo della cadenza mensile vita natural durante, non considera l’ultima tavola delle serie un castigo del mercato ma un’opportunità narrativa. Quella di costruire un personaggio pensando al suo congedo già dalla copertina del primo numero.

Demian è un fumetto ambientato a Marsiglia, Shagri-La del crimine, teatro del noir francese nel quale – racconta l’autore – nessuno è davvero innocente.

Il personaggio di Ruju, autore di alcune belle storie di Dylan Dog, sembra destinato ad incantare per il suo grande fascino e lo spirito di avventura. Ha l’aspetto del sognatore apparentemente fragile che alterna le poesie di Baudelaire al canto delle sue letali pistole. È il cavaliere di un misterioso ordine, la Fraternitè, per cui deve compiere una missione altrettanto misteriosa, come il suo passato del resto.
Il primo incontro con Demian incuriosisce tanto da spingere verso il prossimo appuntamento – il numero due uscirà il 10 giugno – ma lascia anche qualche dubbio. Sembra eccessiva infatti l’esasperazione del suo aspetto di bello e dannato, quasi troppo bello per essere vero.
Il rischio che corre questo nuovo personaggio di carta è quello di diventare prigioniero degli stereotipi che potrebbero privarlo di fascino invece che accrescerlo. Troppe le sparatorie in cui non sbaglia un colpo e troppo immacolato in un contesto tutt’altro che pulito. Starà alla bravura degli sceneggiatori fare sì che questi elementi diventino i pilastri su cui costruire le fortune di un personaggio che chiuderà le sue avvenure tra poco più di 500 giorni.

Consigli per gli acquisti: Demian è un fumetto nuovo, per cui rintracciare numero 1 è facile come andare in tutte le edicole d’Italia, isole comprese.
Le 132 pagine di storia garantiscono storie ad ampio respiro, capaci di valorizzare tanto gli sceneggiatori quanto i disegnatori come Luigi Picatto il cui tratto inconfondibile, coadiuvato da Giorrgio Sommacal, ha aperto le avventure di Demian.

Il prezzo, 3 Euro, è un buon incentivo per cominciare la lettura di una storia che, comunque, avrà il suo epilogo a dicembre 2007.

Buona lettura
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Shark Il primo squalo Di Jon Turteltaub Azione U.S.A., 2018 Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che si riteneva estinta e che ora giace sul fondo della fossa più profonda del Pacifico...... Guarda la scheda del film