Magazine Mercoledì 10 maggio 2006

Liguria bicolore: giallo e nero

L'antologia 'Liguria in giallo e nero', edita dai Fratelli Frilli, che raccoglie 11 racconti gialli noir ambientati a Genova, sarà presentata giovedì 18 maggio alle ore 18 alle Fratelli Frilli Librerie (via Sestri 46 R).

La passione per il mistero ed i segreti accomunano molti lettori, e da qualche tempo a questa parte la location preferita dagli autori è la nostra regione, la Liguria. Tra chi patteggia per Bacci Pagano e chi no, il successo riscosso rimane innegabile, tanto che Anselmo Roveda ha deciso di raccogliere in un unico libro undici racconti di altrettanti scrittori. Il titolo? Liguria in giallo e nero (Ed. Frilli, pp 209, Eu 9.50): una raccolta senza scopo di lucro che vuole aprire la strada ad una scuola di veri giallisti liguri.
Abbiamo parlato di questa prospettiva con il papà di Bacci, Bruno Morchio: «gli scrittori sono molto diversi tra loro; ognuno con i propri modelli e referenti personali. L’unica cosa che ci accomuna è la location», mi confessa Bruno, «non tutti, poi, scriviamo gialli alla Raymond Chandler. Alcuni di noi si dilettano di noir, siamo diversi ed è difficile accomunarci per più caratteristiche». Effettivamente, leggendo i racconti, non si può che non essere d’accordo con lui.

In un lavoro come quello di Roveda, Das Seekadettenmatt, il matto della guardiamarina, l’attenzione è rivolta molto al passato di tutti i personaggio, e a come le loro vite s’incrocino, proprio come nella vita reale, per caso. Un esempio diverso di scrittura lo si trova nel racconto Un caso un po’ fuori mano di ; non ci saranno né colpevoli, né vittime, ma rimarrete incollati alle pagine per capire dove vi sta portando lo scrittore, «ho usato le regole base del noir, con un investigatore alla Magnum P.I», mi racconta Giacomo, «l’unico problema è stato riuscire a mettere il piatto d’acciughe, che volevamo comparisse in tutte i racconti, perché proprio non mi piacciono».

Vi troverete catapultati in una Genova futuristica con il noir nel noir di Giampietro Stocco, Il Giallista, oppure in un'abbazia con L’enigma della cripta di Maurizio Gareffa, ed infine potrete leggere i consigli di , vincitrice del Premio Tedeschi, per diventare un giallista, o almeno per provarci...

Bruno Morchio, Maria Masella, Antonio Caron, Giampietro Stocco, Andrea Casazza e Max Mauceri - questi i nomi noti e amati del giallo genovese - al loro fianco autori giovani: Fabio Beccaccini, Marco Vallarono, Erika Furci, Giacomo Revelli, Maurizio Garreffa e lo stesso ideatore Anselmo Roveda.
Tutti uniti per un libro i cui ricavi saranno devoluti ad associazioni che si occupano di ragazzi con problemi sociali: adesso rimane solo un enigma da risolvere, qual è il racconto più bello? Io non so svelare il mistero, provateci voi.
di Annamaria Giuliani

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Arrietty Di Hiromasa Yonebayashi Animazione Giappone, 2010 Sotto il pavimento di una grande casa situata in un magico e rigoglioso giardino alla periferia di Tokyo, vive Arrietty, una minuscola ragazza di 14 anni, con i suoi altrettanto minuscoli genitori. La casa è abitata da due vecchiette, che naturalmente... Guarda la scheda del film