Il Duchamp italiano - Magazine

Mostre Magazine Museo di Villa Croce Mercoledì 10 maggio 2006

Il Duchamp italiano

In alto l'artista in un celebre ritratto, in basso "Door: 11", rue Larrey, Paris 1927, porta in legno eseguita da un falegname su indicazione di Duchamp

Magazine - Che effetto fa dare in pasto al pubblico la propria collezione d’arte nell’animo di chi ha a lungo cercato, trovato e accarezzato quadri, sculture e oggetti d’artista? Luisa Zignone, proprietaria di una collezione di 150 pezzi firmati , in mostra a Villa Croce - dall’11 maggio al 16 luglio – imprenditrice biellese, dai corti capelli biondi, esile e frizzante, è netta nella sua risposta: «È bello – dice semplicemente con un sorriso ampio. Ti spersonalizzi rispetto a ciò che hai avuto tra le mani. È un rinnovarsi del desiderio».

Marcel Duchamp: una collezione italiana è un momento importante della programmazione culturale di Genova, un’occasione per fare ancora una volta – accanto alla mostra a Palazzo Ducale - il punto sul Novecento di cui, come ricorda l'assessore Luca Borzani, si continuerà a trattare nelle aree dismesse dell'ex-acciaieria a Cornigliano. C’è un duplice valore nel caso specifico di Duchamp, il frutto di un collezionismo femminile, sotto cui c’è una storia e un vissuto umano, e l’onore di ospitare fra tutti il lavoro e il pensiero del padre di tutta l’arte contemporanea o di quello che Sandra Solimano, direttrice del Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce, con la solita acutezza di sguardo ha definito «il peccato originale dell’arte del ‘900. Con Duchamp nasce la prima rinuncia alla categoria estetica del bello e del gusto. Basta cose belle, spazio a ciò che fa funzionare la materia grigia, ribaltando il punto di vista e approdando ai Readymade, gli oggetti scelti dall’artista, decontestualizzati e poi ricollocati per fargli assumere nuove valenze, diverse e provocatorie».

La mostra, ancora nelle parole di Solimano, «è curatissima. Più con la passione del genitore, da Sergio Casoli (gallerista milanese, ndr), che con il rigore dello studioso. Un invito a approfondire al di là della mitologia duchampiana». In un allestimento d’artista ideato da Massimiliano Fuksas fatto di trasparenze tra vetro e materiale plastico, sospensione e leggerezza («in una citazione del tipico allestimento duchampiano», ricorda Solimano) per una tipologia di opere, documenti e materiali eterogenei che ben testimoniano la refrattarietà dell’artista-genio a restringere il campo. Casoli, novecentista e amante del concettuale, non fa mistero della sua inclinazione nemmeno quando, esprimendosi, lega le sue parole a esercizi cerebrali: «Duchamp, Antonello da Messina e Fontana. Con questi tre nomi mi sento di raccontare la storia della vita dell’uomo, condensata in tre diversi pensieri». Provocato sul Duchamp parodista e giocoso sull’arte e gli intellettualismi, Casoli resta impassibile. «A me stupisce scoprire in un uomo a me così vicino un sapere leonardesco, geniale. Duchamp ha una contemporaneità anche con il tempo futuro. Per leggerla bisogna viverlo nel qui e ora», quanto a comprenderlo «dipende dal fruitore realizzare la lettura alchemica. Sta nella capacità di chi guarda l’opera dargli l’uno o l’altro significato. La possibilità c’è, semplicemente va colta».

Questo allestimento ci proietta all’inizio del secolo scorso. È l’epoca delle avanguardie: dadaismo, surrealismo, cubismo ecc. È il tempo in cui la sperimentazione porta i canoni fuori dagli equilibri, quando tutto è messo in discussione, quando chi guarda è preso di mira e chiamato a interagire, quando l’oggetto comune entra nell’arte e sulla tela, parola di Marcel Duchamp e di Guillaume Apollinaire. Un tempo di fermento di intelletti e nuove energie in cui si pensava sarebbe stato possibile ottenere la riconciliazione tra Arte e popolo (Apolinnaire, Les Peintres cubistes, 1913), proprio grazie al lavoro di Duchamp.

Dislocata nelle sette stanze in cui ancora freschissimo aleggia il passaggio di , forse le emozioni più forti si vivono di fronte alla porta in legno bicolore Door, 11 rue Larrey, Paris, 1927, , che vantava mele verdi appese simbolicamente al cielo. Certo i sette Readymade della Sala 4 sono i pezzi che fanno toccare con mano un immaginario, forse strapazzato, fino a diventare stereotipo e perdersi in una bidimensionalità da manifesto. È lì la celebre Fountain, 1917. Il Bottle Dryer, 1914. E la delicata, quasi un’esile farfalla di montagna, Fresh Window, 1920. Per gustare appieno i materiali della sala 6 bisogna fare con calma: ci sono note, miniature e riproduzioni a colori di opere di Duchamp, ma anche un catalogo di lusso Boîte Alerte, 1959. Per esperti e amatori credo sia di grande fascino la sala 7, con incisioni dalla serie del Grande Vetro e Gli Amanti, senza tralasciare un’occhiata alla sala 3 per avvicinarsi ai Rotorilievi, dove l’arte di Duchamp incrocia la cinematografia e l’attenzione sulla percezione mette in moto il suo genio.

Come è ormai innovativo uso A Villa Croce ogni mostra induce a una cascata di eventi: tra cui l'apertura straordinaria di domenica 14 maggio, con il ritorno di Mumù - musica nei musei e i corti d'autore a cura di Effetto Notte: un aperitivo vero e metaforico che annuncia la notte dei musei di domenica 20 maggio. Quella notte alle 21 performance del gruppo Coniglio Viola, un omaggio al travestitismo di Duchamp. E ancora sabato 27 maggio, Poesia e suono intorno a Marcel Duchamp, a cura dell'Accademia del Chiostro. L'8 giugno, à rebours con il Magazzino Sanguineti a rendere viva la lezione di Duchamp le proiezioni di filmati sperimentali e la partecipazione di .

Potrebbe interessarti anche: , Ad Ascona la mostra tematica Arte e Perturbante , Biennale di Venezia 2017: Viva arte Viva. Da Roberto Cuoghi a Damien Hirst , Lucca Comics 2016: Da Zerocalcare a Gipi, fino ai Cosplay , Anime nere: la Calabria tra letteratura e cinema , Addio a Mario Dondero, fotografo del '900 più vero