Concerti Magazine Mercoledì 3 maggio 2006

Dirty Actions forever

Nella foto in alto: i Dirty Action;
in basso Giovanni Villani, autore di questo articolo e di una delle prefazioni de 'Le silure d'europe - Estratto concentrato' (Fratelli Tocci Editori). In mano tiene una copia della fanzine
Fino al prossimo 6 maggio, con orario lunedì-sabato 7.30 -19, al è visitabile una piccola mostra, ma assai significativa di un momento culturale tanto importante quanto sconosciuto, a cavallo degli anni ottanta, grosso modo dal 1979 al 1982.
È la versione Extended Mix dell’allestimento presentato all’ultima edizione del M.E.I. di Faenza, della storica fanzine genovese , che rappresentò una sorta di alter ego scritto/disegnato all’attività musicale della band che fu il punk nel capoluogo ligure i ed ha l’indubbio merito di riportare l’attenzione dei più curiosi sia sulla fanzine, di cui troviamo le riproduzioni, sia sul gruppo (sono anche visibili ingrandimenti fotografici e di pagine dei quotidiani dell’epoca).

Una visita consente di avere un contatto - forse il primo per molti - con un momento ed un movimento (il punk) di cui si è parlato quasi sempre come fenomeno di costume e sovente a sproposito.
In effetti, la scena genovese ha lasciato probabilmente troppo poche “tracce” documentali per essere ricordato, ma non è per nulla inferiore a scene come quella bolognese degli Skiantos o milanese dei Kaos Rock e delle Kandeggina Gang (di cui faceva parte Jo Squillo).
Certo chi ha presenziato al concerto dei Dirty Actions Tribute (Milk, 21 aprile 2006), il nuovo gruppo che Johnny Grieco ha messo su nel 2005 per riproporre il repertorio della band di cui fu uno dei pilastri, avrà senz’altro un’idea più completa, ma ci sarà (speriamo..) un’altra occasione.

Che dire… prima di tutto una grande emozione e poi la curiosità (il timore) di un “ritorno” dopo tanti tanti anni. In effetti, capisci che dall'"epopea" dei D. A. sono passati dai 27 ai 24 anni, ossia 'età di una giovane (nemmeno giovanissima) personauomo...
Ma Johnny è stato, e da subito, grande, grandissimo, coinvolgente, vitalissimo e soprattutto vero, fatto che non spesso avviene in simili situazioni. Sapevo quanto ci tenesse e l'unica cosa che temevo era che lo tradisse l'emozione del ritorno a Genova, ma tutto è passato in un attimo.
E che dire dei fan e dei Dirty Actions di allora? Qualcuno mi sembrava tutt'altro che convinto, qualcun altro parlava di malinconia, se non peggio, ma poi tutto è svanito in un nanosecondo, come in un ritorno al futuro (al passato?) della Lanterna.

Mi è sembrato che fossero (che fossimo) gli stessi d'allora nei posti d'allora, colla testa d'allora e solo quando, ogni tanto, mi giravo e vedevo delle facce che allora non conoscevo (che magari non erano neanche nate…) mi veniva da chiedermi "ma dove sono? " e "cosa sto facendo?".
Ma il tutto durava un battito di ciglia e mi sono ritrovato a pogare dopo decenni, ma così, perché quella sera mi veniva naturale, sentivo quelle canzoni, ascoltavo Johhny cantare quei testi, dalle chitarre uscivano quei suoni. Insomma, il coinvolgimento c'era perché non poteva non esserci. Sarebbe stato impossibile starsene lì seduti a bere una birra o appoggiati ad una parete. E vedermi accanto chi, dieci minuti prima, mi parlava di tristezza è stato altamente corroborante, perché li ho visto tutti belli tosti.

Allora alla prossima (ma non fra 25 anni) e…Punk Forever!

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La grande bellezza Di Paolo Sorrentino Drammatico Italia, 2013 Il film è ambientato e interamente girato a Roma. Dame dell'alta società, parvenu, politici, criminali d'alto bordo, giornalisti, attori, nobili decaduti, alti prelati, artisti e intellettuali veri o presunti tessono trame di rapporti inconsistenti,... Guarda la scheda del film