Magazine Mercoledì 19 aprile 2006

Segnali di Fumetto

Nelle immagini la copertina del primo volume di House of Magneto e altre tavole
Anche i supereroi si incontrano, solo che quando succede non lo fanno per una rimpatriata, per una partita a calcetto o per guardare tutti assieme e rigorosamente in mutandoni e calzamaglia i Mondiali di Calcio.
Quando l’Uomo Ragno, Wolverine, Capitan America, Iron Man, Hulk e tutti gli altri si incontrano, lo fanno perché sta succedendo qualcosa di grosso, tipo il ri-conteggiare delle schede elettorali o la fine del mondo.
Quando questo succede siamo in un Crossover!

L’abitudine dell’incontro tra supereroi è una tradizione nata negli anni ottanta, che affonda le sue radici nell’epica. Che cos’è l’Iliade se non un mega-crossover in cui eroi e dei si incontrano per darsele di santa ragione?
Tanto la – la casa editrice di Superman e Batman – quanto la – la casa dell’Uomo Ragno e gli X-Men – ad un certo punto hanno deciso di riunire i loro eroi per ridisegnarne gli scenari di azione, per rinnovarli.
Nei Crossover ci sono personaggi che muoiono e altri che cambiano, città che vengono spianate, costumi che si trasformano e che – come succede all’Uomo Ragno nelle Guerre Segrete (il primo Crossover Marvel) quando indossa la sua nemesi Venom – magari sono anche coscienti e psicopatici.

Volontà di rinnovare i personaggi e di sperimentare nuovi filoni narrativi sono alla base del crossover Marvel attualmente in uscita in Italia: House of M (la M sta per Magneto, signore dei campi magnetici e X-Man rinnegato).
Lo spunto che dà vita alla rivoluzione è la follia di Scarlet, figlia di Magneto che – dotata del potere di cambiare le leggi probabilistiche – viene spinta a costruire una realtà in cui i mutanti, guidati da suo padre, sono la specie dominante sulla Terra.
L’universo rivisto e corretto è il migliore possibile per gli X-Men, finalmente padroni, ma nulla è perfetto, soprattutto quando Wolverine - uno con un pessimo carattere - sente puzza di bruciato…
Il risultato è una vera e propria rivoluzione che porterà ad una Guerra Civile tra super eroi sapiens (Capitan America e soci) e gli X-Men che leggeremo in Italia tra un annetto. Avete presente l’Iliade? Stessa cosa.

Per la sceneggiatura e i disegni Brian Michael Bendis (il papà del restyling dell’Uomo Ragno) e Olivier Coipel hanno superato loro stessi dando vita a un colossal tutto da leggere, capace di avvicinare lettori di ogni tipo, diversi tra loro come i lori beniamini.
Sono consapevole che un crossover non è pane per i denti di un lettore occasionale; occorrono conoscenze sul background di personaggi apparsi magari in una striscia uscita a ferragosto del 1973 e mai pubblicata in Italia e una grande voglia di documentarsi.
House of Magneto, non fa eccezione da questo punto di vista (sarebbe da preoccuparsi se non fosse così), ma a garanzia di un lettore occasionale ci sono le ottime integrazioni che la (l'editrice italiana che pubblica gli eroi Marvel) ha messo a disposizione in tutti i volumi della saga. Il risultato è un buon prodotto, ben disegnato e venduto al prezzo di 2.80 Euro a volume, meno di un aperitivo.

Consigli per gli acquisti:
House of M è una saga, iniziata ad aprile, composta da un preludio e quattro volumi integrati da alcuni corposi speciali, 112 pagine per 4 Euro.
Vi consiglio di non comprarla in blocco, non è detto che vi piaccia, meglio lasciare che vi conquisti numero dopo numero.
Non vi spaventate se vi manca qualche passaggio, ricordate che i fumetti sono più semplici da leggere di un poema in greco.
Almeno ci sono le figure!
Buona lettura
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Divorzio all'italiana Di Pietro Germi Commedia Italia, 1962 Guarda la scheda del film