A ritmo di danza al Cargo - Magazine

Teatro Magazine Teatro del Ponente Mercoledì 5 aprile 2006

A ritmo di danza al Cargo

In alto il gruppo SAN

Magazine - Anche il Ponente ligure avrà la sua rassegna di danza. O meglio, il suo Osservatorio di danza. Stiamo parlando dello spettacolo che si terrà al Teatro Cargo di Voltri venerdi 7 Aprile alle ore 20.30, un’occasione per le compagnie di danza contemporanea emergenti di presentare i loro progetti, le loro produzioni.
Che cosa è la ricerca nella danza? Quale è la differenza tra performance e spettacolo? I cinque gruppi che si esibiranno cercheranno di rappresentare sulla scena proprio questo: il conflitto o l’armonia tra la parola e il corpo, le ispirazioni quotidiane, le suggestioni che diventano riflessioni in movimento, ma soprattutto le sperimentazioni. Osare, rendendo visibile come in una sorta di “corpo-mente” - direbbe Eugenio Barba - il pensiero creando, come è intenzione dell’organizzazione dello spettacolo, “oggetti artistici che non siano solo produzione”.

Ecco i protagonisti:
Dance-O-Rama proporrà un progetto coreografico con un estratto dal titolo “In compagnia dei lupi”, ispirato dal racconto omonimo di Angela Carter su rielaborazioni di Luigi Ceragioli.
Il Gruppo S.A.N. (in alto nella foto) presenterà un formato di gioco dove 5 persone interagiranno con i materiali accumulati nel tempo dallo stesso gruppo.
Il Progetto M&M con “Studi per Matteo e Margherita”, con un soggetto di Simone Magnani, cercherà di analizzare attraverso la gestualità di una coppia la percezione degli spazi quotidiani.
Il Gruppo Sottovoce con “Frammenti” metterà in scena lo studio di uno spettacolo nella fase della preparazione. Il Gruppo Cedansa presenterà uno spettacolo dal titolo “La spiaggia”, ispirato a poeti e scrittori passati o vissuti in Liguria attraverso l’elemento della spiaggia. La coreografa Alessandra Schirripa, porterà in scena parte di un atto unico di teatro-danza frutto di un laboratorio aperto ad attori, danzatori e musicisti: “Se una notte d’inverno un viaggiatore”, di Italo Calvino e “Racconti d’amore”, di Guy de Maupassant.

Movimento e parola. Corpo e voce. La sfida che questi gruppi si propongono è importante perché è animata da una poetica, da una visione sulle cose, missione che l’arte dovrebbe sempre tenere presente.

Marina Giardina

Biglietti 4 Euro. Fuori Abbonamento.
Info 010 694240

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin