Magazine Martedì 4 aprile 2006

La nuova strada di Chiatello

Nella foto, Alfredo Chiatello.

Magazine - Secolo più, secolo meno, son circa seicentomila anni che sta lì, ben conficcata nel terreno. Da cinquanta è ricoperta di vegetazione. Non lo fosse, a guardarla da sud parrebbe una brutta sirena, sdraiata; da nord un’enorme gamba ingessata. Da est o da ovest esattamente ciò che è: una roccia.

Così inizia La strada muta ( , 427 pagine, 15.50 Euro), opera prima del genovese Alfredo Chiatello. Insegnante di scuola superiore, ex autore televisivo (ricordate Gala Gol, su Telemontecarlo?), padre di due bambini e sposato “con la fidanzata del liceo” - così recita la sua biografia – Chiatello ha scelto per il suo primo romanzo il genere “giallo”.
La trama è avvincente e ruota intorno a personaggi dal carattere ben definito. Sullo sfondo c’è Genova, riconoscibile nelle sue creuze e nella parlata di alcuni tra i protagonisti, che Chiatello fa esprimere in dialetto. L’anziano Bacci, ad esempio, è scorbutico e un po’ indisponente come solo certi genovesi sanno essere. Ma basta poi prenderlo per il verso giusto…

Elena è una giovane studentessa a due passi dalla laurea in archeologia. I suoi studi la portano in quella che gli studiosi ritengono sia stata una parte dell'antica via Aurelia. La ragazza, però, si rende conto che così non è. Ma perché qualcuno vuole nascondere la verità? E da dove passava realmente la via Aurelia?
A intralciare le indagini di Elena sarà proprio il suo relatore, il “Chiarissimo” professor Maffioletti, insieme al dottor Marino Marchesi, il sottomesso assistente. E chi ha frequentato l’ambiente accademico non farà certo fatica a riconoscere nell'atteggiamento di questi due personaggi quello di superiorità che spesso hanno certi - o forse dovrei dire molti - professori. Ad affiancare Elena nelle sue ricerche, il giovane capotreno Marco, attratto dal mistero ma soprattutto dalla ragazza. E poi l’anziano Luigi Bixio, la misteriosa Ilaria e due classici “brutti ceffi”.

Questo è il primo romanzo di Alfredo Chiatello, che però non è nuovo alla scrittura: «Tra il 1987 e il 1996 facevo parte della rivista culturale La rosa purpurea del Cairo. Poi, dopo aver curato alcune monografie, ho scelto di dedicarmi alla stesura di un romanzo giallo, genere di cui sono un appassionato lettore».
Ma cosa c’è di vero nella storia narrata da Chiatello? «Questo romanzo è nato da una ricerca storica mista a tanta fantasia. L’antico tracciato della via Aurelia è oggi segnato dalle tipiche mulattiere. Di vero c’è lo spunto, dato che io abito nella zona dove è ambientato il romanzo: Coronata», afferma Alfredo, e continua, «i personaggi, invece, sono inventati. Certo, mi riconosco nel carattere di Marco, il protagonista del libro. Io, però, parlo male il genovese… Ho voluto omaggiare questo dialetto soprattutto per una questione di affetto».

Chissà se Chiatello scriverà un sequel della storia, mi chiedo. «Non ci ho mai pensato e non credo che lo farò. Ho molte idee in testa, e se questo romanzo verrà apprezzato scriverò ancora, magari una storia completamente diversa». L’autore ha impiegato tre anni a terminare il suo primo romanzo, che i suoi studenti non hanno ancora letto: «purtroppo i giovani leggono davvero poco», aggiunge mestamente.

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film