Concerti Magazine Venerdì 17 marzo 2006

Belzer, ti entra nell'orecchio


Toh, parliamo dei e viene a convegno qui da noi in redazione Giulio Belzer. È come dire che parli dei Bon Jovi e arriva John, no? (La battuta non è a caso... capirete).
Ho in mano il nuovo demo del gruppo genovese, il secondo, dal titolo Yuyin. Fonti certe confermano che il disco è all'orizzonte. Li abbiamo presi di anticipo, così se un giorno diventano famosi vi diremo: noi lo sapevamo!

Quattro tracce di un caro vecchio pop all'italiana, suonato bene, con un accento intimista. E se Yuyin vuol dire "quel suono che ti resta nell'orecchio quando l'hai sentito" (ah, la sintesi dei cinesi), c'hanno preso. Al secondo ascolto i ritornelli di Parla piano e Le differenze sono già di casa, con una voce - quella di Giulio - che ricorda quella di Raf, soprattutto nella seconda traccia.

Del progetto solista iniziale è rimasto il nome: «L'abbiamo tenuto perché tantissimi ci hanno detto che suona bene, a prescindere dal fatto che sia il mio cognome, un po' come Bon Jovi, ma non facciamo paragoni!», scherza Giulio. Oltre a lui (voce, chitarra e tastiere) la line up della band presenta Saverio Malaspina (batteria, già Blindosbarra e ora Meganoidi), Guido Bruzzone (basso) e Fabrizio Cosmi (chitarra solista). «Siamo un gruppo molto affiatato, con un bell'equilibrio e musicisti di grande valore».
I testi nascono da esperienze personali: «ma cerco di esprimerle in modo che tutti le possano capire e sentire proprie», dice Giulio, che scrive le liriche e compone una prima versione della musica. «Anche se - continua - in studio l'arrangiamento di gruppo le cambia parecchio». I brani sono costruiti in modo essenziale: strofa-ritornello-strofa-ritornello-finale. Senza tante evoluzioni, né con la voce né con la musica, i Belzer rendono una melodia orecchiabile e pulita.

All'inizio degli anni '90 Giulio inizia a suonare in una cover band dei Cure, il primo grande amore. Forti le influenze di Coldplay e Radiohead; Scisma e Bevegnù tra gli italiani.
Stanno pensando anche al primo video: «Parla piano potrebbe essere la canzone prescelta, mi piacerebbe fare un'animazione».

Intanto continuano a suonare dal vivo. L'anno scorso il gruppo ha superato le selezioni regionali di Arezzo wave e per un pelo non hanno sfiorato il botto. Il prossimo appuntamento è con la rassegna Lorca, al Logo Loco.

In attesa del primo long playing, i ragazzi si stanno impegnando per far sentire la propria musica: «È importantissimo per noi farci sentire, stiamo facendo il massimo». Good Luck.

Info
www.belzer.org

339 2419846

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Un gatto a Parigi Di Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol Animazione Francia, 2010 Il gatto Dino ha una doppia vita. Di giorno vive con la piccola Zoé, figlia unica di Jeanne, capitano di polizia. Di notte invece sale sui tetti di Parigi con Nico, un ladro abile e di buon cuore. Zoé ha smesso di parlare da quando suo padre,... Guarda la scheda del film