Concerti Magazine Venerdì 17 marzo 2006

Il soprano Susanna Kwon

In alto e in basso immagini tratte dal sito www.susannakwon.com, che ritraggono Susanna su diversi palcoscenici
© www.susannakwon.com

Magazine - Genova. Quando il coraggio è donna non è raro che si sappia fondere con una spiccata sensibilità che, mostrandosi, è grazia. È il caso di : giovane soprano di origine coreana in Italia da più di dieci anni. Il coraggio smuove i desideri e ci porta là dove forse le nostre sole forze non avrebbero saputo condurci. Ma per lei, le grandi come le piccole difficoltà, si superano con la semplicità della convinzione senza fatica.

Susanna, in realtà non si chiama proprio così. Il suo vero nome è Soojung e anche questa versione forse è un po’ un’invenzione rispetto alla scrittura coreana. Online Soojung, come molte altre volte nella sua vita, è , nome d'arte acquisito in Italia dove è venuta a studiare canto (prima a Como, poi a Spoleto, quindi a Genova e a Siena). I nuovi territori dopo il salto Corea-Italia, non sono un problema per Susanna e la voglia di uno spazio su internet è maturata insieme al progetto. Il suo (sviluppato in flash, ma piuttosto leggero data la varietà e ricchezza dei materiali disponibili), online da poco tempo, è elegante e funzionale, si naviga senza intoppi, regala chicche della sua carriera artistica e mette spesso di fronte a pillole del suo carattere ottimista. Di Susanna troviamo tutto dalla biografia al repertorio, dalle foto all’audio, dai video alla già nutrita rassegna stampa. In ogni pagina ci sorride in costumi di scena diversi, in abiti civili estivi o autunnali, mettendoci a parte anche di alcuni scatti personalissimi, come quelli con le amiche o con la sua famiglia, in un dosato insieme che oscilla tra il presentarsi come artista e il raccontarsi come persona.

Susanna ha voluto uno spazio su internet perché la musica lirica arrivasse ai giovani e perché è consapevole che il futuro è nella rete. «Attraverso la creazione del sito, sono riuscita a vedere quello che ho fatto fin’ora. Un riordinare che mi è stato molto utile. La sezione delle news poi è stimolante perché mi permette di traguardare al futuro». Ad accoglierci una grande foto di una serata al Teatro Carlo Felice sul cui sfondo è dipinto un pesante sipario, mentre in sovrimpressione scorrono alcuni estratti dalle recensioni uscite sui quotidiani in cui si parla di “grazia coreana o orientale”, ma si sottolinea anche dizione e fraseggio del soprano Kwon. Lei non vede distinzione nella sua carriera tra impegno concertistico e operistico. «Sarebbe un peccato –dice- dover scegliere. Anni fa mi ero concentrata molto sull’opera, che è totalizzante e diversa per il lavoro in collaborazione con gli altri colleghi. Ho amato molto l’aspetto conviviale e la varietà dell’ambiente umano. Dall’altro lato, in ambito concertistico tutto è molto intimo e mi piace altrettanto. Ma se all’opera ti aiutano le luci, i costumi, il ruolo, in concerto sei tu che devi creare».

L'amore per il canto in Susanna è così antico che sono i genitori a rammentarglielo: «Io non me lo ricordo ma pare che da piccola cantassi sempre e avessi espresso il desiderio di diventare una cantante pop. Mio padre deve avermi trasmesso la passione, lui ha sempre cantato come tenore amatoriale, ma con voce impostata. La mamma l'ha conquistata con le serenate di Schubert. E poi, sono protestante e nella messa più del 60% è musica, io cantavo anche nel coro».

Prima ancora di sapere chi fossero, Susanna ha cantato Bach, Haydn e molti altri in chiesa superando così la sua timidezza e trovando la sua personalissima chiave espressiva. In Italia, dove ha certo superato molte difficoltà, ha imparato oltre al canto, l’arte del saper giocare, la spontaneità e la sincerità, conosciuta attraverso le persone incontrate. Tramite la formazione musicale e quella indotta nel paese d’adozione, Susanna ha superato i limiti in cui la confinavano, oltre la timidezza, la “buona educazione coreana” e quella certa “grazia orientale” che all’inizio viveva come una componente negativa, mentre oggi sa che è un vantaggio.

www.susannakwon.com

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film