Al Dada si fa cabaret - Magazine

Teatro Magazine Venerdì 10 marzo 2006

Al Dada si fa cabaret

Magazine - Il cabaret al . La rassegna iniziata l’11 marzo, che ogni sabato alle 21.30 propone spettacolo più vino a 6 Euro, porta in scena Roberto Giordano, di cui vi proponiamo l'intervista.

"Roberto Giordano (un nome e un cognome... due nomi... due cognomi, chissà?) è nato il 2 settembre del 1966 ed è ancora vivo! Questo basterebbe, ma alcune cosine nel mondo artistico (oh, niente di eccezionale) le ha fatte, e se proprio le vuoi sapere... salle!".
Così si apre il sito www.robertogiordano.it . Roberto è un eclettico personaggio della scuola teatrale genovese.
Noi del Dada abbiamo pensato che faceva proprio al caso nostro, perché il cabaret si concilia bene con lo stile di serate che proponiamo: buon vino, libri, chiacchiere.

Perché non uno spettacolo dal vivo? Così Roberto ha chiamato qualche amico e da sabato 11 marzo, ogni sabato, avremo un’ora di cabaret da gustare insieme a un buon bicchiere di vino (vedi calendario in fondo).
Ho fatto quattro chiacchiere con lui e con il primo dei nostri comici del sabato sera, Marco Arena (si è esibito sabato 11), per capire un po’ come hanno iniziato e cosa si aspettano dalla loro attività.

Quando e perché avete deciso di fare cabaret?
Roberto Giordano: Ma perché, faccio ridere io?! A parte gli scherzi, ho iniziato lavorando nei villaggi turistici e vedevo che la gente rideva per la mia "faccia da schiaffi". Dal 1996 ho pensato di scrivere, con l'aiuto di un amico, dei pezzi miei.
Marco Arena: È stata colpa di Roberto. Ci eravamo visti ad un provino televisivo; tempo dopo lui ha fatto il mio nome per un importante concorso di cabaret, che poi ho vinto.

Qual è il vostro personaggio preferito? Come è nato?
Roberto: Sul palco non faccio personaggi, perchè sono più un battutista. Cerco di sfruttare il contatto con il pubblico, mentre al Laboratorio Zelig, del quale faccio parte, interpreto un domatore di bambini, un papà alle prese con una figlia "indemoniata".
Marco: La signora Pina. Per interpretarla mi sono ispirato ad una mia vicina di casa.

Il cabaret è una strada lunga e impegnativa o se sei bravo sfondi subito?
Roberto: È lunga, perchè il palco non è facile da domare, quindi ci vuole la cosiddetta "gavetta", ma in tivù ci si può arrivare anche subito se hai una bella idea, il personaggio giusto o il tormentone vincente.
Marco: È un lavoro che richiede molta energia e disponibilità a mettersi in gioco. Ci vuole una grande motivazione, talento, ma anche una buona dose di culo.

Lo spettacolo che ti ha divertito di più?
Roberto: Visto che fa parte di questa rassegna, posso dire che Marco Arena è bravissimo e i suoi personaggi, in particolare la Signora genovese, sono spassosissimi.
Marco: Ultimamente direi Miss Universo, con Angela Finocchiaro.

E un flop?
Roberto: Spero che non sia il mio dopo la serata al Dada!
Marco: Al cinema ho visto Broken Flowers... dormendo!

Adesso seriamente: che effetto ha fatto la tv sul cabaret?
Roberto: A differenza di 20 anni fa, oggi se non fai una battuta ogni 20 secondi non vai avanti. Walter Chiari faceva uno sketch di un quarto d'ora senza fare battute, ma il pubblico rideva solo per come interpretava la storia. Quindi ora c’è meno teatralità e più battute, anche demenziali.
Marco: La televisione è un mezzo, puoi usarlo per valorizzare o per appiattire. Negli ultimi tempi, per quanto riguarda il cabaret - e non solo - direi che sta prevalendo la seconda ipotesi.

Una domanda che vorresti ti fosse posta?
Roberto: Scusi, come li vuole investire questi soldi? Impossibile, non me lo chiederà mai nessuno.
Marco: Mi squilla il telefono: "Pronto, sono Ines Sastre. Ti ho visto a Telenord e sono pazza di te. Vuoi raggiungermi oggi stesso nella mia casa di Madrid?". "Beh, guarda, Ines... ti dico... dammi tempo di andare a casa a prendere lo spazzolino da denti!".

Calendario serate cabaret al Dada – via Giustiniani 3r:

11 marzo: Marco Arena
18 marzo: Roberto Giordano
25 marzo: Gabriele Gentile (mago comico)
1 aprile: Andrea Bottesini

Barbara Savorani

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin